La Pizza ionna cù l’ frittl’: la ricetta irpina che scalda l’inverno

Apprezzatissima dalle famiglie contadine che ne tramandano la ricetta

Cucina
Articolo di , 29 Dic 2020
4668

La Pizza ionna cù l’ frittl’ è una antica ricetta irpina, un vero e proprio pezzo della tradizione culinaria dell’Appennino campano che ancora oggi viene preparato e consumato in accompagnamento a zuppe calde e saporiti minestroni di stagione, per concedersi una coccola durante il freddo inverno in questo territorio.

Decisamente invernale, questa ricetta viene preparata con farina di grano di mais, da cui il nome di pizza bionda, e una manciata di frittole di maiale, un prodotto particolarmente apprezzato dalle famiglie contadine per il suo alto contenuto calorico. Per questo è bene consumarla con parsimonia, solo di tanto in tanto al posto del pane, secondo l’antico uso.

Il Pane dei Camaldoli: un’antichissima tradizione napoletana

La Pizza ionna cù l’ frittl’ è tutt’oggi presente nei ricettari delle cucine delle famiglie irpine, modificata o arricchita in base ai gusti: c’è, infatti, chi la insaporisce con una grattata di formaggio pecorino, chi ci aggiunge dell’uvetta, chi della ricetta conserva l’impasto di farina di grano di mais e ne elimina le frittole per mantenere la linea.

C’è chi la cuoce ancora nel camino e chi invece opta per il forno o la padella, ma il sapore in questi ultimi casi non è lo stesso. Perchè? Le nonne irpine, che ne sanno sempre di più delle tradizioni culinarie, preparano la pizza nel ching’, come era l’uso antico: un tegame di terracotta che viene chiuso con un coperchio e riposto nel camino a testa in giù, ricoperto di carbone e cenere. La terracotta, a differenza della cottura in forno o in padella, permette di cuocere la pizza ad una  temperatura uniforme e costante, preservandone il gusto e l’aroma naturale.

Ecco come prepararla:

Ingredienti

  • 750 gr di farina di grano di mais
  •  800 ml di acqua bollente
  • 250 di frittole di maiale
  • 75 gr di strutto + q.b. per finitura e teglia
  • sale e pepe q.b.

Preparazione

Poni la farina in un recipiente e versaci su l’acqua bollente, mescolando lentamente con un cucchiaio di legno. Aggiungi sale e pepe a piacimento, e poi le frittole.

Dopo aver amalgamato bene il tutto, sistema l’impasto in una teglia di terracotta dai bordi bassi, livellandola dolcemente con le mani. Cuocere in forno, in padella o sulla brace del camino, ricoprendo il coperchio con altra brace. Sarà pronta quando avrà assunto un intenso colore biondo e una consistenza non troppo compatta.

Buon appetito!

Photo Credits: Pappa Reale

Whatsapp Canale Whatsapp Canale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti consigliamo anche

Vivere Napoli

Visitare Napoli in 3 giorni

Come visitare Napoli in 3 giorni? Tutto quello che c'è da fare e vedere...

Visitare Napoli in 2 giorni

In due giorni a Napoli si ha il tempo sufficiente per visitare i monumenti...

Visite guidate a Napoli

Napoli è una città ricca di storia e arte che offre tanti di siti...

Locali a Napoli

Sono tanti i locali a Napoli dove poter trascorrere le serate e divertirsi, tra...

Mercatini a Napoli

Sono tanti mercatini a Napoli dove fare shopping e trovare capi a basso prezzo!...

Dove dormire a Napoli

Da qualche anno a questa parte l’offerta turistica per il pernottamento a Napoli si...

Dove mangiare a Napoli

Napoli è una città che offre una molteplicità di soluzioni diverse per mangiare, per...

Cosa fare a Napoli

Napoli è la città del mare, del Vesuvio, e della pizza, e c’è tanto...

Napoli di notte

Napoli è ricca di luoghi in cui poter trascorrere le serate dal centro storico,...

Cosa vedere a Napoli

Napoli città d’arte. La città offre una molteplicità di siti monumentali, aree verdi, scorci...