La vera pastiera napoletana

Cucina
Articolo di , 16 Mar 2009

Pasqua si avvicina e oggi dedichiamo questo articolo al classico dolce pasquale partenopeo, la pastiera napoletana.
Per noi napoletani la pastiera oltre ad essere un dolce è anche una tradizione, un rito da rispettare rigorosamente.
Una volta la preparazione si faceva la mattina di giovedì santo e si infornava nel forno di quartiere il pomeriggio.
Con la cottura della pastiera si riempiono case e strade di un profumo unico, dolce e fruttato che nasce dall’acqua di fior d’arancio e degli ingredienti sapientemente mescolati. E’ usanza anche quella di prepararne più d’una per scambiarla con amici e parenti.

Le origini della pastiera non sono note con esattezza, tutte le ipotesi hanno come fulcro il periodo pasquale, a conferma dello stretto legame tra la pastiera e questo rituale religioso. Nell’attuale versione, fu inventata probabilmente da una suora, in un monastero dimenticato napoletano.

Come ogni cibo della tradizione che si rispetti, le leggende sulla pastiera si sprecano: una delle più conosciute narra di Maria Teresa D’Austria, consorte del re Ferdinando II di Borbone, soprannominata dai soldati “la Regina che non sorride mai“, dopo aver assaggiato una fetta di pastiera non potè far a meno di sorridere. Pare che a questo punto il Re esclamasse: “Per far sorridere mia moglie ci voleva la Pastiera, ora dovrò aspettare la prossima Pasqua per vederla sorridere di nuovo”.
La ricetta della vera pastiera napoletana.

Ingredieti impasto
500 gr di grano in scatola
500 gr zucchero
500 gr ricotta
6 uova
1bustina vainillina
1/2 bustina di cannella
1 bottiglina acqua millefiori

Ingredienti pasta frolla
400 gr di farina
4 rossi di uova
150 gr di zucchero
200 gr di vallè
1 pizzico di sale

Preparazione della pasta frolla.
Su una spianatoia, mettere la farina a fontana, al centro mettere i rossi, lo zucchero e il burro (vallè).
Lavorare il tutto velocemente, formare una palla e metterla a riposare in frigo.

Preparazione impasto
In una ciotola  mettere  la ricotta passata a setaccio, unire lo zucchero, e lavorarlo a crema, unire i
rossi 1 per volta facendoli amalgamare bene. Unire il grano cotto come da istruzioni sul barattolo.
Aggiungere  la vainillina, poi la cannella e la bottiglina di millefiori, infine  montate i bianchi d’uovo a neve ferma e unire al tutto, mescolando accuratamente.

Stendere una parte di pasta frolla in un ruoto alto, mettere tutto l’ impasto della pastiera,
con la rimanente pasta formare delle tagliatelle larghe 2 cm e adagiarle  sull’impasto diagonalmente (come nella foto). Cuocere nel forno a 180 gradi per circa 50 minuti.

Buona Pastiera a tutti!

2 risposte a “La vera pastiera napoletana”

  1. Giulia ha detto:

    Grandi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti consigliamo anche

Links utili

Visitare Napoli in 3 giorni

Tre giorni a Napoli consentono di visitarne i monumenti principali e di assaporare una...

Visitare Napoli in 2 giorni

In due giorni a Napoli si ha il tempo sufficiente per visitare i monumenti...

Visite guidate a Napoli

Napoli è una città ricca di storia e arte che offre tanti di siti...

Locali a Napoli

Sono tanti i locali a Napoli dove poter trascorrere le serate e divertirsi tra...

Mercatini a Napoli

Sono tanti mercatini a Napoli dove fare shopping e trovare capi a basso prezzo!...

Dove dormire a Napoli

Da qualche anno a questa parte l’offerta turistica per il pernottamento a Napoli si...

Dove mangiare a Napoli

Napoli è una città che offre una molteplicità di soluzioni diverse per mangiare, per...

Cosa fare a Napoli

Napoli è la città del mare, del Vesuvio, e della pizza, e c’è tanto...

Napoli di notte

Napoli è ricca di luoghi in cui poter trascorrere le serate dal centro storico,...

Cosa vedere a Napoli

Napoli città d’arte. La città offre una molteplicità di siti monumentali, aree verdi, scorci...