Pizza alla Campofranco, il rustico pasquale partenopeo dell’800

Pizza alla Campofranco, il rustico pasquale partenopeo dell’800
4 (80%) 1 vote

Meno conosciuta tra i rustici che imbandiscono le tavole pasquali partenopee, la Pizza Campofranco è la perla gastronomica di un monzù dell’800. Tutta da riscoprire!

Elaborata sul finire dell’800 dal monzù Principi Lucchese-Palli di Campofranco, questo gustosissimo rustico fa parte della storia della gastronomia napoletana. C’è anche chi la chiama Pizza alla napoletana raffinata, forse perchè ideata da un cuoco che deliziava gli aristocratici con le sue prelibatezze, e si ritrova sulle tavole pasquali dei partenopei più tradizionalisti.

Il segreto della Pizza Campofranco e della sua morbidezza sta nella preparazione della pasta, che utilizza lo strutto al posto del burro, rendendola particolarmente soffice e leggera. La lavorazione dell’impasto è abbastanza complicata, ma niente paura perchè la seguente ricetta è stata rivisitata per renderla semplice e ovviamente gustosa!

Cosa serve

  • Farina gr. 500
  • Burro gr. 150
  • Uova 3
  • Lievito di birra 1 panetto
  • Latte cc. 250
  • Parmigiano gr. 50
  • Sale pepe q.b.
  • Prosciutto crudo a fette gr. 150
  • Provola affumicata gr. 350
  • Pomodori San Marzano DOP pelati kg 1
  • Olio cc. 50
  • Aglio 2 spicchi
  • Basilico in gran quantità

Come si fa

  • Preparare la pasta con farina, metà, parmigiano, sale, pepe, uova, burro, latte tiepido e il lievito disciolto. Lasciare lievitare.
  • Preparare una salsa di pomodoro molto concentrata lasciando prima andare l’aglio nell’olio.
  • Adagiare sul fondo e sui lati di un tegame da tortano metà pasta lievitata. Disporre la provola a fette, il prosciutto, la salsa, il parmigiano, il basilico.
  • Ricoprire con la pasta rimanente e far lievitare.
  • In forno a 180° per 40-50 minuti fin quando è ben dorata. Servire calda, ma non troppo

La ricetta è stata ripresa dal sito www.lucianopignataro.itLa foto di copertina è tratta dal blog l’acqua ‘dorosa



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu