“T’aggia cunusciut pur a te ‘mbrellino ‘e set”: origine e significato del detto napoletano

“T’aggia cunusciut pur a te ‘mbrellino ‘e set”, un colorito proverbio napoletano che probabilmente non conoscevi. Scopriamone il significato.

Tradizioni e Curiosità
Articolo di , 13 Mag 2024
668

La lingua napoletana è probabilmente tra le più colorite di tutto il mondo, un idioma che ha origini nel lontano Medioevo e si è conservato fino ad oggi. La sua anima così colorita e il suo immenso valore culturale hanno da sempre destato l’interesse di linguisti, intellettuali e letterati. Molte espressioni del dialetto napoletano restano sconosciute o dimenticate, ricordarle insieme vuol dire conoscere un po’ più a fondo la storia del nostro popolo e della nostra cultura.

Oggi scopriamo insieme il significato di un detto poco utilizzato ma molto divertente: “T’aggia cunusciut pur a te ‘mbrellino ‘e set”. Letteralmente l’espressione può essere tradotta in italiano come “Ho conosciuto anche te come ombrellino di seta” e, anche se l’immagine di un ombrellino di seta potrebbe rimandare all’eleganza femminile, in realtà il detto ha una sfumatura offensiva… ma perché?

Matrimoni in Italia: la Campania al primo posto per i prestiti per le nozze. Più di 7 coppie su 10 hanno dovuto chiedere un aiuto.

“T’aggia cunusciut pur a te ‘mbrellino ‘e set”, perché si dice così? Il significato del detto

Per capire il significato del detto, bisogna fare un passo indietro nel tempo. Le origini dell’ombrello parasole sono antichissime: fonti attestano il suo utilizzo già nell’antico Egitto e in seguito in Medio ed Estremo Oriente. Dopo un lungo periodo in cui cadde in disuso, l’ombrellino in seta divenne poi accessorio della moda occidentale soprattutto nell’Ottocento. Simbolo di emancipazione per le dame che potevano passeggiare all’aria aperta, ben presto divenne accessorio delle donne “dai facili costumi”. Queste donne erano solite utilizzare ombrellini in seta, anche in mancanza di sole e con colori sgargianti, proprio per farsi identificare dai possibili clienti.

Tornando adesso all’analisi del nostro detto, l’espressione “T’aggia cunusciut pur a te ‘mbrellino ‘e set” si utilizza dunque per esprimere disappunto riferendosi a una persona che vuole mostrare virtù che in realtà non possiede. Chi metaforicamente “indossa un ombrellino in seta” ha probabilmente un secondo fine nascosto dietro le sue azioni. E tu, conoscevi questo proverbio?

Whatsapp Canale Whatsapp Canale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti consigliamo anche

Vivere Napoli

Visitare Napoli in 3 giorni

Come visitare Napoli in 3 giorni? Tutto quello che c'è da fare e vedere...

Visitare Napoli in 2 giorni

In due giorni a Napoli si ha il tempo sufficiente per visitare i monumenti...

Visite guidate a Napoli

Napoli è una città ricca di storia e arte che offre tanti di siti...

Locali a Napoli

Sono tanti i locali a Napoli dove poter trascorrere le serate e divertirsi, tra...

Mercatini a Napoli

Sono tanti mercatini a Napoli dove fare shopping e trovare capi a basso prezzo!...

Dove dormire a Napoli

Da qualche anno a questa parte l’offerta turistica per il pernottamento a Napoli si...

Dove mangiare a Napoli

Napoli è una città che offre una molteplicità di soluzioni diverse per mangiare, per...

Cosa fare a Napoli

Napoli è la città del mare, del Vesuvio, e della pizza, e c’è tanto...

Napoli di notte

Napoli è ricca di luoghi in cui poter trascorrere le serate dal centro storico,...

Cosa vedere a Napoli

Napoli città d’arte. La città offre una molteplicità di siti monumentali, aree verdi, scorci...