Lo Guarracino, famosa tarantella del ‘700

Grande Napoli

E’ una famosissima tarantella del ‘700 di autore anonimo. Molto probabilmente doveva trattarsi di un abile pescatore, vista la sua indiscutibile competenza sulla fauna marina. Infatti vengono citati, nella canzone, oltre 80 specie di animali marini, tutti presenti nei nostri fondali. La particolarita’ sta nel fatto che non tutti sono stati identificati. Eminenti studiosi di fauna marina e biologi marini si sono cimentati nell’elencare tutte le specie citate. Nessuno fin’ora c’e’ riuscito. Non a tutti i protagonisti della canzone e’ stato potuto dare un corrispondente in italiano poiche’ per alcuni di essi della versione dialettale ne e’ stato perso il significato.
E’ la storia di un guarracino (Coracino in italiano) che, ben vestito e preparato, si mette alla ricerca di una sposa. Restera’ folgorato dalla bellezza di una Sardella (sardina) che canta affacciata al suo balcone. Il Guarracino incarichera’ la Bavosa (Vavosa) di fargli da tramite. La sarda arrossisce ed accetta. A rovinare tutto ci pensa una Patella (vongola) che spiera’ all’Allitterato (il Tonno, ex fidanzato della sarda) cosa sta succedendo. Iniziera’ una furibonda rissa nei fondali marini in cui interverranno amici e parenti dei contendenti composti da ogni sorta di essere marino.

Patre, figlie, marite e mogliere
s’azzuffajeno comm’a fere.
A meliune correvano a strisce
de sto partito e de chillo li pisce
Che bediste de sarde e d’alose!
De palaje e raje petrose!
Sà rache, dièntece ed achiate,
scurme, tunne e alletterate!

Pisce palumme e pescatrice,
scuà³rfene, cernie e alice,
mucchie, ricciòle, musdee e mazzune,
stelle, aluzze e storiune,
merluzze, ruà³ngole e murene,
capodoglie, orche e vallene,
capitune, aùglie e arenghe,
cièfere, cuocce, trà ccene e tenghe.

Treglie, trèmmole, trotte e tunne,
fiche, cepolle, laune e retunne,
purpe, secce e calamare,
pisce spate e stelle de mare,
pisce palumme e pisce prattielle,
voccadoro e cecenielle,
capochiuove e guarracine,
cannolicchie, òstreche e ancine,

vòngole, còcciole e patelle,
pisce cane e grancetielle,
marvizze, mà rmure e vavose,
vope prene, vedove e spose,
spìnole, spuà³nole, sierpe e sarpe,
scà uze, nzuà³ccole e co le scarpe,
sconciglie, gà mmere e ragoste,
vennero nfino co le poste,

capitune, sà ure e anguille,
pisce gruosse e piccerille,
d’ogni ceto e nazione,
tantille, tante, cchiຠtante e tantone!
Quanta botte, mamma mia!
Che se dèvano, arrassosia!
A centenare le barrate!
A meliune le petrate!

Muorze e pìzzeche a beliune!
A delluvio li secozzune!
Non ve dico che bivo fuoco
se faceva per ogne luoco!
Ttè, ttè, ttè, ccà  pistulate!
Ttà , ttà , ttà , llà  scoppettate!
Ttù, ttù, ttù, ccà  li pistune!
Bu, bu, bu, llà  li cannune!

Ma de cantà  so già  stracquato
e me manca mo lo sciato;
sicchè dateme licienzia,
graziosa e bella audenzia,
nfi che sorchio na meza de seje,
co salute de luje e de leje,
ca se secca lo cannarone.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu