Le infinite declinazioni della “Faccia” a Napoli: dalle sfumature cromatiche agli attributi

Sicuramente conoscerete alcune espressioni relative alla faccia in napoletano. Ma siamo sicuri che non le conoscete tutte!

Tradizioni e Curiosità
Articolo di , 17 Nov 2023
911

La faccia, il volto è il primissimo elemento di una persona che ci capita di valutare, quando la abbiamo davanti. Due occhi, una bocca, un naso, due orecchie. Dovremmo essere tutti uguali, no?

E invece non è così. Pur con quelle stesse caratteristiche, siamo tutti diversi. E non parliamo qui solo di tratti somatici. Parliamo altresì di colori, parliamo di espressioni del viso. E il napoletano, che per sua necessità di sopravvivenza oltre che di studio antropologico, abbisogna di conoscere in anticipo, senza troppi fronzoli e complimenti, la natura di una persona, utilizza proprio lei per indagare nell’animo umano.

Napoli, una città che dell'"ammappuciato" ha fatto il suo stile di vita

Infatti a Napoli esistono decine di espressioni che hanno ad oggetto il volto di una persona. E siamo pronti a giurare che alcune le conoscete, ma è difficile che le conosciate tutte. Andiamo ad elencarle.

La faccia a Napoli

Sfumature cromatiche

Prendiamo come primo esempio, la sfumatura cromatica che per la città di Napoli, può assumere il volto.

  1. Tene ‘na faccia verde: qui il verde diventa il colore dell’invidia, della cattiveria. Significa essere pieni di collera e pronti a riversarla al momento giusto a qualcuno. Guardati bene dalle persone il cui animo si presenta con questo colore in volto!
  2. S’e fatto russo russo ‘nfaccia: il rosso qui, come è facilmente intuibile, è il colore dell’imbarazzo, della vergogna. Questa persona evidentemente sarà una persona timida o una persona colta in fallo.
  3. Tene ‘a faccia ‘ngialluta: anche qui la sfumatura cromatica del giallo si accosta a una persona cattiva, inviperita. Peraltro l’epiteto era solito essere rivolto a San Gennaro (sempre ricordando che San Gennaro è l’unico santo ca nun se piglia collera Ndr) quando non si verificava lo scioglimento del sangue.
  4. Tieni ‘na faccia nera: qui più della cattiveria è la rabbia che si impossessa dei lineamenti del volto deturpandoli e trasformando il roseo colorito in un nero di collera
  5. Tieni ‘na faccia viola r’o friddo: come è facilmente intuibile, qui ci si riferisce al colorito violaceo che assume la pelle quando il freddo ostacola il corretto scorrimento del sangue.

I proverbi sulla faccia

Non mancano i proverbi popolari che hanno come oggetto principale il viso.

  1. A faccia mia sotto ‘e piere vuost: massima espressione di sottomissione o comunque di ironica provocazione di umiltà. All’interlocutore è richiesto di fare una risatina e di negare per non fare la figura dell’arrogante.
  2. Vicino ‘e sord’ ‘a gente nun guardà ‘nfaccia a nisciun: come tramandatoci anche da Pino Daniele, tristissima verità. Espressione di massima cazzimma ed egocentrismo.
  3. Ha pigliato nu tram ‘nfaccia: prende anche il nome di trammiato, ossia una persona che ha ricevuto una brutta batosta. Altrimenti, con silente cattiveria, una persona dall’aspetto fisico non proprio stupendo.
  4. Rire ‘nfaccia a stu…: lo dobbiamo veramente spiegare…?

Connotazioni generiche

Tutto il resto delle espressioni, invece, attecchiscono in ogni declinazione possibile:

  1. Faccia appesa: Una persona sempre triste, con il muso lungo…
  2. Faccia e fess: una persona non particolarmente arguta.
  3. Faccia e pest: una persona non solo sempre triste, ma che trasmette pure malumore (e un po’ di seccia) a tutti quelli che incontra
  4. Faccia r’a miseria: una persona con modeste possibilità economiche.
  5. Faccia tagliata: una persona erosa dai sensi di colpa.
  6. Faccia r’e ccorna e faccia r’e corna vecchie: una persona sfrontata, armata di cazzimma e di determinazione. A metà fra l’insulto e il complimento, le corna vecchie fungono da mero superlativo assoluto dell’aggettivo.
  7. Faccia tosta: anche in questo caso una persona sfrontata e senza scrupoli.
  8. Faccia storta: una persona cui non va mai bene niente.
  9. ‘A faccia toja: espressione di gioia nei confronti di chi non ci vuol bene, rispetto ad un successo o una soddisfazione che ci siamo presi.
  10. ‘A faccia mia: espressione di sorpresa, rispetto a qualcosa che non ci aspettavamo e che ci lascia senza parole.
  11. Uè faccia e…: e allora ce le tirate proprio da cuollo le parolacce, eh?

 

Ti salutiamo con la nostra faccia sotto i tuoi piedi, proprio il massimo, senza chiederti nemmeno di stare fermo, puoi muoverti!
Cioè, che vuol dire?
La faccia sotto i piedi e può camminare; quello pensa siamo proprio due umili.
Una bellissima immagine, la nostra faccia sotto i tuoi piedi e puoi muoverti quanto ti pare e piace e noi zitti sotto.

Lettera a Savonarola, Non ci resta che piangere – Roberto Benigni e Massimo Troisi

Whatsapp Canale Whatsapp Canale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti consigliamo anche

Vivere Napoli

Visitare Napoli in 3 giorni

Come visitare Napoli in 3 giorni? Tutto quello che c'è da fare e vedere...

Visitare Napoli in 2 giorni

In due giorni a Napoli si ha il tempo sufficiente per visitare i monumenti...

Visite guidate a Napoli

Napoli è una città ricca di storia e arte che offre tanti di siti...

Locali a Napoli

Sono tanti i locali a Napoli dove poter trascorrere le serate e divertirsi, tra...

Mercatini a Napoli

Sono tanti mercatini a Napoli dove fare shopping e trovare capi a basso prezzo!...

Dove dormire a Napoli

Da qualche anno a questa parte l’offerta turistica per il pernottamento a Napoli si...

Dove mangiare a Napoli

Napoli è una città che offre una molteplicità di soluzioni diverse per mangiare, per...

Cosa fare a Napoli

Napoli è la città del mare, del Vesuvio, e della pizza, e c’è tanto...

Napoli di notte

Napoli è ricca di luoghi in cui poter trascorrere le serate dal centro storico,...

Cosa vedere a Napoli

Napoli città d’arte. La città offre una molteplicità di siti monumentali, aree verdi, scorci...