Reginella: la napoletanità in una canzone, tra passione e malinconia

Martina Guaccio

 

Fine ‘800 inizio ‘900, una fase storica in continuo divenire, ricco di prosperità e opportunità di sviluppo. Napoli, il centro del Mezzogiorno, tra creatività e benessere economico, lancia uno sguardo al resto d’Italia ed uno più attento all’Europa, allo stato simbolo della cosiddetta Belle Époque, la Francia, da cui la capitale del sud prende spunto per il rifiorire delle arti e dell’innovazione.

 

 

È una tipica sera napoletana di inizio ‘900. Siamo nel primo Cafè Chantant d’Italia, il Salone Margherita, chiamato così in onore all’omonima regina, al centro di Napoli. Luci soffuse, musica leggera, pareti affrescate e ricoperte dai fumi e dall’alcol; atmosfera godibile, rallegrata da donne affascinanti ed ammaliatrici che fingono un accento straniero, perlopiù francese, per aumentare l’alone di mistero da cui sono avvolte.

Lui, frequentatore del Salone Margherita, rivede tra la folla un volto familiare, quello della donna con cui ha condiviso una breve ma intensa storia d’amore, a Toledo. Lei ora è tutt’altra donna: una sciantosa, dalla profonda scollatura, un cappello ornato di nastri e rose ed un finto accento francese che ammalia i clienti del Salone. Giorni d’amore, di baci e passione tornano alla mente, ma lui sa, ormai, che quella è una storia senza futuro, lei si è concessa ed è andata via, al canto di un cardellino, affascinato anche lui dalla bellezza di Reginella, questo pare essere il suo nome. Passione, rassegnazione e nostalgia. Lui si guarda indietro, ricordando quei giorni, chiedendosi se mai, qualche volta, lei in questa nuova vita l’abbia pensato, anche distrattamente.

 

 

Non ci è dato sapere se sia stato il protagonista di questa romantica storia d’amore, ma sappiamo che, seppure da spettatore, Libero Bovio, poeta e scrittore napoletano, è stato in grado di raccontarla con intensità e passione. Le parole napoletane, forti e risonanti, musicate da Gaetano Lama, esprimono la felicità di un tempo passato e la malinconia che si porta dietro, nella speranza che il dolce ricordo sfiori anche Reginella, la giovane sciantosa del Salone Margherita a cui Bovio si è ispirato.

 

 

 

Te si’ fatta na vesta scullata,
nu cappiello cu ‘e nastre e cu ‘e rrose,
stive ‘mmiez’a tre o quatto sciantose
e parlave francese accussí.
Fuje ll’autriere ca t’aggio ‘ncuntrata
fuje ll’autriere a Tuleto. ‘Gnorsí!

T’aggio vuluto bene a te,
tu mm’hê vuluto bene a me.
Mo nun ce amammo cchiù,
ma ê vvote tu,
distrattamente,
pienze a me.

Reginè’, quanno stive cu mico,
nun magnave ca pane e cerase,
nuje campávamo ‘e vase. E che vase!
Tu cantave e chiagnive pe’ me
e ‘o cardillo cantava cu tico:
“Reginella ‘o vò’ bene a stu Rre”.

T’aggio vuluto bene a te,
tu mm’hê vuluto bene a me.
Mo nun ce amammo cchiù,
ma ê vvote tu,
distrattamente,
parle ‘e me.

Oje cardillo, a chi aspiette stasera?
Nun ‘o vvide, aggio aperta ‘a cajuóla,
Reginella è vulata, e tu vola!
Vola e canta, nun chiagnere ccá.
T’hê ‘a truvá na padrona sincera
ch’è cchiù degna ‘e sentirte ‘e cantá.

T’aggio vuluto bene a te,
tu mm’hê vuluto bene a me.
Mo nun ce amammo cchiù,
ma ê vvote tu,
distrattamente,
chiamme a me.

 

 

Reginella, composta nel lontano 1917, è ancora oggi simbolo della canzone napoletana, interpretata nel corso degli anni dai più disparati artisti, da Roberto Murolo a Massimo Ranieri, racchiude il senso della napoletanità: passione, genuinità ed una giusta dose di malinconia.

 



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu