‘O Pucunaro, un soggetto napoletano molto particolare

Alla scoperta di un peculiare appellativo napoletano: 'o pucunaro

Tradizioni e Curiosità
Articolo di , 21 Set 2023
1612

Napoli è ricca di termini strettamente locali, comprensibili solo a chi questa terra l’ha vissuta e la vive. In realtà Napoli è ricca di termini, di ogni tipo. La lingua napoletana è infatti un tripudio di lemmi, una proliferazione di incroci di questi ultimi, a formare delle espressioni tipiche e particolari. Parole, modi di dire, detti: Napoli ne ha di ogni tipo e per ogni circostanza.

Vocaboli il cui significato, una volta svelato, può sembrare negativo, in realtà potrebbero voler intendere tutt’altro, o voler sottolineare tutt’altro. Perché i napoletani hanno così scelto. Infatti anche i complimenti, a Napoli, possono risultare dei segreti, con l’utilizzo di buffe e dubbie parole che sigillano un legame tra chi riceve il complimento e chi lo fa, entrambi consapevoli del reale intento dell’esternazione.

Sul' 'a morte 'nzerra 'a porta, un modo di dire napoletano speranzoso

Un chiaro esempio di quello che stiamo dicendo è il termine pucunaro.

Chi è ‘O Pucunaro a Napoli?

Pucunaro, pecunaro, vari sono i modi per pronunciare questa parola. E varie sono le sfumature di significato che assume.
In Campania, si fa uso di tale lemma per affermare che la persona a cui è indirizzato è scaltra, maliziosa, furba, sottile, una volpe. Il pucunaro è chi è sempre avanti di un paio di azioni, chi prevede ciò che verrà e agisce in maniera tale da ottenere ogni vantaggio possibile per se stesso.

Spesso, si utilizza in maniera ironica per sottolineare quanto una persona sia sempre pronta a “non farsi passare la mosca sotto il naso“.

Etimologia

Pucunaro potrebbe derivare dal termine latino pecunia, utilizzato per riferirsi al denaro. Il pucunaro, difatti, trae qualsiasi tipo di vantaggio da ogni circostanza, incluso, soprattutto, quello economico. Un’altra probabile etimologia è data dal dialetto pecune, vale a dire piume, penne. Il pucunaro, infatti, “tene e pecune“, ovvero ha i peli così irti da divenire delle penne dritte, poiché sta sempre sull’attenti.

Whatsapp Canale Whatsapp Canale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti consigliamo anche

Vivere Napoli

Visitare Napoli in 3 giorni

Come visitare Napoli in 3 giorni? Tutto quello che c'è da fare e vedere...

Visitare Napoli in 2 giorni

In due giorni a Napoli si ha il tempo sufficiente per visitare i monumenti...

Visite guidate a Napoli

Napoli è una città ricca di storia e arte che offre tanti di siti...

Locali a Napoli

Sono tanti i locali a Napoli dove poter trascorrere le serate e divertirsi, tra...

Mercatini a Napoli

Sono tanti mercatini a Napoli dove fare shopping e trovare capi a basso prezzo!...

Dove dormire a Napoli

Da qualche anno a questa parte l’offerta turistica per il pernottamento a Napoli si...

Dove mangiare a Napoli

Napoli è una città che offre una molteplicità di soluzioni diverse per mangiare, per...

Cosa fare a Napoli

Napoli è la città del mare, del Vesuvio, e della pizza, e c’è tanto...

Napoli di notte

Napoli è ricca di luoghi in cui poter trascorrere le serate dal centro storico,...

Cosa vedere a Napoli

Napoli città d’arte. La città offre una molteplicità di siti monumentali, aree verdi, scorci...