Ma chi è il punkabbestia?

Grande Napoli

La volta scorsa abbiamo scritto dei cosi detti chiattilli, questa volta ਠil turno dell’altra Napoli, i pancabbestie.

Generalmente si identificano come pancabesti le persone che frequentano il centro storico di Napoli, seduti tra Calata Trinità  Maggiore, piazza San Domenico e Piazza del Ges๠a scolarsi fiumi di birra Peroni a un euro.

La volta scorsa abbiamo scritto dei cosiddetti chiattilli, questa volta è il turno dell’altra Napoli, i pancabbestie. Generalmente si identificano come pancabestie le persone che frequentano il centro storico di Napoli, seduti tra Calata Trinità  Maggiore, piazza San Domenico Maggiore e Piazza del Gesù Nuovo a scolarsi fiumi di birra Peroni a un euro.

Qualcuno li chiama, in modo più simpatico, gli alternativi.
Il loro look è caratterizzato da un miscuglio di stili diversi: scarpe da skater, pantaloni larghi, felpe enormi, piercing, tatuaggi, rasatura sui lati della testa e capelli lunghi dietro, a volte colorati o con dreadlocks adornati da perline, pezzi di ferro, bulloni, e fili colorati.

Comunque, il pancabbestia è più un preconcetto estetico che una reale categoria di persone. I punti che comunque li contraddistinguono sono comportamenti di avversione verso i costumi della società  o comunque verso l’establishment, con motivazioni politiche (per esempio legate all’anarchismo).

Anche questa volta l’Arci Napoli, in una sua punata di Urrà  TV, dedica una puntata agli alternativi di Napoli….



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu