Lo Scartellato napoletano: storia, folklore e tradizione

Alla scoperta della figura dello Scartellato a Napoli,

Tradizioni e Curiosità
Articolo di , 20 Set 2023
879

Napoli è ricca di storia, di cultura, di tradizioni e di scaramanzia. Ed è ricca di personaggi che racchiudono tutto ciò.
Tra le innumerevoli figure che non possono essere staccate dalla città partenopea ce n’è una, molto famosa in zona, meno nel territorio nazionale. Si tratta dello Scartellato.

Chi è lo scartellato a Napoli

Lo Scartellato è un personaggio tipico della cultura popolare nostrana. Si tratta di una figura presente nella memoria napoletana da tempo immemore. Il termine deriva da un lemma greco, kartos, che equivale a cesto. Lo Scartellato era perciò il portatore del cesto. Tale compito fisico portava dunque l’addetto ad avere problemi di equilibrio, poiché lo Scartellato finiva con l’essere ricurvo per sostenere il peso dell’oggetto da trasportare. L’uomo finiva così per compromettere la propria colonna vertebrale, sviluppando una gobba.

I luoghi del piacere di Napoli: oltre 900 bordelli tra Chiaia e i Quartieri spagnoli

La gobba e la fortuna

La gobba, a Napoli, è intesa come fortuna. Il kartos veniva infatti ritenuto, nel passato, come contenitore pieno di oggetti preziosi. La credenza popolare voleva che toccare il kartos equivalesse a concedersi la possibilità di richiamare un po’ di quella ricchezza per sé stessi. E tale fortuna, nel tempo, si è estesa, non riguardando più soltanto il cesto, ma anche il portatore del cesto in questione, il nostro caro Scartellato.

Il personaggio folkloristico

L’ideologia del ricurvo portatore di cesto e di fortuna si è estesa a macchia d’olio nei secoli, cesellando nell’immaginario comune la persona gobba come un individuo diffusore di prosperità. Lo Scartellato è divenuto perciò un vero e proprio simbolo folkloristico di buona sorte, capace di mandare via il malocchio e di concedere fortuna.

Come ogni personaggio della Napoli Scaramantica ha un aspetto estetico ben delineato. Indossa infatti una giacca nera, un papillon rosso e un cilindro nero. E viene spesso raffigurato in statuine e disegni accompagnato dal re dei simboli partenopei: il corno.
La sua figura è così fondamentale da essersi meritata un posto tutto suo anche nella Smorfia. Il 57 è infatti il suo numero.

Whatsapp Canale Whatsapp Canale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti consigliamo anche

Vivere Napoli

Visitare Napoli in 3 giorni

Come visitare Napoli in 3 giorni? Tutto quello che c'è da fare e vedere...

Visitare Napoli in 2 giorni

In due giorni a Napoli si ha il tempo sufficiente per visitare i monumenti...

Visite guidate a Napoli

Napoli è una città ricca di storia e arte che offre tanti di siti...

Locali a Napoli

Sono tanti i locali a Napoli dove poter trascorrere le serate e divertirsi, tra...

Mercatini a Napoli

Sono tanti mercatini a Napoli dove fare shopping e trovare capi a basso prezzo!...

Dove dormire a Napoli

Da qualche anno a questa parte l’offerta turistica per il pernottamento a Napoli si...

Dove mangiare a Napoli

Napoli è una città che offre una molteplicità di soluzioni diverse per mangiare, per...

Cosa fare a Napoli

Napoli è la città del mare, del Vesuvio, e della pizza, e c’è tanto...

Napoli di notte

Napoli è ricca di luoghi in cui poter trascorrere le serate dal centro storico,...

Cosa vedere a Napoli

Napoli città d’arte. La città offre una molteplicità di siti monumentali, aree verdi, scorci...