“Fa’ chello ca dico io ma nun fa’ chello ca faccio io”, un detto napoletano sempre attuale

Alla scoperta di un'espressione tipica partenopea: "Fa' chello ca dico io ma nun fa' chello ca faccio io".

Tradizioni e Curiosità
Articolo di , 19 Giu 2024
563

La lingua napoletana è una lingua articolata e composita, è una fusione ben riuscita e complessa. Le parole che la compongono provengono infatti da numerosi paesi e riflettono quindi una varietà di culture. Questi lemmi si mescolano e si intrecciano fino a dare vita a modi di dire e a espressioni uniche e inconfondibili.
La quantità di tali combinazioni linguistiche è davvero significativa. E il loro utilizzo è preciso e inconfondibile. Infatti, per ogni situazione della vita quotidiana, sia ordinaria sia straordinaria, esiste almeno un modo di dire assolutamente appropriato e pertinente, che sembra creato appositamente per quella specifica circostanza particolare. Tra questi, ce n’è uno particolarmente interessante.
Si tratta di “Fa’ chello ca dico io ma non fa’ chello ca faccio io

Fa’ chello ca dico io ma non chello ca faccio io, quando si usa a Napoli?

Il detto napoletano “Fa’ chello ca dico io ma fa’ non chello ca faccio io” è un’espressione profondamente radicata nella cultura partenopea e riflette una saggezza popolare che travalica i confini geografici. Tradotto in italiano significa “Fai quello che dico io ma non quello che faccio io”. Sottolinea perciò l’incoerenza tra le parole e le azioni della persona che lo pronuncia. Questo proverbio è quindi spesso utilizzato per evidenziare un comportamento ipocrita o una discrepanza tra i consigli dati agli altri e le proprie azioni.

'A Vrancata, un'unità di misura tutta napoletana

La natura umana

L’origine di questo detto può essere attribuita alla natura umana e alla tendenza comune a molte persone di consigliare il meglio agli altri pur non seguendo gli stessi consigli quando si tratta delle loro vite. L’uso di questo proverbio è particolarmente diffuso in situazioni familiari o amicali, dove una figura di autorità, come un genitore, un anziano o un amico più esperto, offre consigli o direttive che lui stesso non segue.

Tale detto sottolinea un elemento importante della cultura napoletana: l’abilità di riconoscere e accettare le proprie imperfezioni e contraddizioni con un sorriso e una battuta. “Fa’ chello ca dico io ma non chello ca faccio io” rappresenta infatti talora una forma di autoironia, un modo per riconoscere che nessuno è perfetto e che nessuno è immune a comportamenti incoerenti.

Ma spesso colui che pronuncia tale espressione non lo fa per riferirsi bonariamente e onestamente ai suoi atteggiamenti, ma per rendere nota l’incoerenza e le pretese talvolta assurde e ingiustificabili altrui. Il più delle volte si pronuncia “Fa’ chello ca dico io ma non chello ca faccio ioper criticare qualcuno che non si comporta come dovrebbe, pretendendo invece dagli altri rettitudine, impegno e correttezza.

Whatsapp Canale Whatsapp Canale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti consigliamo anche

Vivere Napoli

Visitare Napoli in 3 giorni

Come visitare Napoli in 3 giorni? Tutto quello che c'è da fare e vedere...

Visitare Napoli in 2 giorni

In due giorni a Napoli si ha il tempo sufficiente per visitare i monumenti...

Visite guidate a Napoli

Napoli è una città ricca di storia e arte che offre tanti di siti...

Locali a Napoli

Sono tanti i locali a Napoli dove poter trascorrere le serate e divertirsi, tra...

Mercatini a Napoli

Sono tanti mercatini a Napoli dove fare shopping e trovare capi a basso prezzo!...

Dove dormire a Napoli

Da qualche anno a questa parte l’offerta turistica per il pernottamento a Napoli si...

Dove mangiare a Napoli

Napoli è una città che offre una molteplicità di soluzioni diverse per mangiare, per...

Cosa fare a Napoli

Napoli è la città del mare, del Vesuvio, e della pizza, e c’è tanto...

Napoli di notte

Napoli è ricca di luoghi in cui poter trascorrere le serate dal centro storico,...

Cosa vedere a Napoli

Napoli città d’arte. La città offre una molteplicità di siti monumentali, aree verdi, scorci...