Covid, Arcuri: ‘I vaccini in Italia a fine gennaio, prima a sanitari e anziani’

Grande Napoli

 “Confidiamo di poter vaccinare i primi italiani alla fine di gennaio. Un milione e 700mila nostri cittadini”.  Lo ha detto il commissario per l’Emergenza, Domenico Arcuri.  ‘Il vaccino sarà disponibile non da domani né da subito per tutti”- ha aggiunto Arcuri, per il quale “servono misure non uniformi come quelle che sono state introdotte. Ci sono regioni dove si avvertono i primi segni di raffreddamento dell’epidemia e altre dove la situazione resta criticae bisogna intervenire ancora per contribuire a raffreddare la crescita dei focolai”.

 

Sull’arrivo dei vaccini in Italia “confidiamo di avere il target” delle prime persone da vaccinare e su questo aspettiamo “il piano del ministero”. “Gli italiani verranno vaccinati in funzione della loro fragilità e della loro potenziale esposizione al virus – ha spiegato il commissario – Le persone che lavorano negli ospedali saranno tra le prime a cui bisogna somministrare i vaccini così come le persone più anziane e che sono più fragili dovranno arrivare prima di quelle più giovani”. Non sarà su base regionale la distribuzione, ma “il governo ha deciso che ci sia una centralizzazione del meccanismo” individuando le categorie dei primi cittadini per i quali sarà necessario. “Non serve avere il vaccino in un luogo A piuttosto che in un luogo B”, ha sottolineato Arcuri.

 

 

Intanto sono 37.978 i nuovi contagi da coronavirus in Italia nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Le vittime sono 636.  Il totale dei casi individuati da inizio epidemia sale così a 1.066.401, mentre i morti sono ora 43.589. In un singolo giorno non si registrava un numero così alto di vittime dal 6 aprile scorso, anche in quel caso furono 636.

 

 

E’ ancora record sui tamponi in Italia: sono 234.672quelli effettuati nell’ultimo giorno, circa novemila più di ieri. Il rapporto tra positivi e test risale al 16,18%, quasi il 2% in più rispetto a ieri. Aumentano di 89 i pazienti ricoverati in terapia intensiva in Italia.  Le persone in rianimazione sono ora 3.170.

 

 

I ricoverati con sintomi in reparti ordinari per Covid sono aumentati di 429 unità e sono ora 29.873. In isolamento domiciliare ci sono 602.011 persone (+21.178). Gli attualmente positivi sono 635.054 (+21.696), i guariti e dimessi sono 387.758 (+15.645).

 

Resta la Lombardia la regione con il maggiore aumento di nuovi casi  nelle ultime 24 ore che, secondo l’ultimo bollettino, sono 9.291. Seguono il Piemonte (4.787), la Campania (4.065), il Veneto (3.564), il Lazio (2.686), l’Emilia Romagna (2.402) e la Toscana (1.932). Sul totale di 636 vittime nelle ultime 24 ore, 187 sono state registrate nella sola Lombardia.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu