Piattaforme sulle scogliere del Lungomare di Napoli, c’è l’ok di ristoratori e albergatori

Le piattaforme solarium e l'accesso facilitato al mare di Via Caracciolo crea opinioni divergenti: è troppo presto per procedere?

News
Articolo di , 21 Mar 2024
814
Naples, Italy - may 27: Summer day on the Mediterranean coast. People relax, sunbathe and swim on Mappatella Beach on Quay of Via Francesco Caracciolo. May 27, 2012. Naples, Campania, Italy.

Una fervida discussione è emersa tra gli operatori turistici riguardo alla proposta di installare piattaforme lungo via Caracciolo a Napoli. Le opinioni divergenti riflettono una varietà di punti di vista e preoccupazioni.

Ogni istituzione, impresa economica e/o urbanistica, ma anche il settore turistico e la ristorazione, hanno opinioni precise e spesso divergenti sulla faccenda.

Il Teatro San Carlo in Lego, un'opera d'arte da 200.000 mattoncini

Piattaforme solarium e stabilimenti per accedere al mare da Via Caracciolo: tutte le opinioni sul tavolo

Antonio Della Notte, figura di spicco nel settore e presidente di Aicast imprese Italia, si schiera a favore dell’iniziativa, ma con cautela, sottolineando l’importanza di un approccio graduale e di una rigorosa valutazione dell’impatto sull’ambiente e sul turismo locale. La sua posizione include la richiesta di garanzie da parte del Comune riguardo alla localizzazione delle piattaforme e alla gestione delle stesse, affinché non compromettano il carattere accogliente del lungomare.

Al contrario, Massimo Di Porzio, presidente di Confcommercio Napoli e Fipe Campania, manifesta scetticismo riguardo all’idea delle piattaforme. La preoccupazione riguarda il potenziale impatto negativo sul paesaggio costiero e sull’esperienza turistica complessiva. Di Porzio solleva anche la questione della necessità di risolvere problemi preesistenti, come la controversa Bolkestein, prima di procedere con progetti di questo genere.

In mezzo a questi punti di vista contrastanti, Massimo Maione, proprietario Hotel Vesuvio, si mostra ottimista ma esprime dubbi sulla gestione delle piattaforme e sulle eventuali regole da applicare. Egli enfatizza la necessità di una gestione professionale e regolamentata, evitando problematiche connesse ai rifiuti che potrebbero compromettere l’attrattività del lungomare.

La discussione riflette la complessità della situazione e la necessità di un approccio oculato nell’implementare progetti che possano influenzare significativamente il paesaggio e l’esperienza turistica di una città come Napoli. È evidente che, prima di procedere, sia essenziale considerare attentamente tutte le prospettive e le implicazioni di tale proposta.

Whatsapp Canale Whatsapp Canale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti consigliamo anche

Vivere Napoli

Visitare Napoli in 3 giorni

Come visitare Napoli in 3 giorni? Tutto quello che c'è da fare e vedere...

Visitare Napoli in 2 giorni

In due giorni a Napoli si ha il tempo sufficiente per visitare i monumenti...

Visite guidate a Napoli

Napoli è una città ricca di storia e arte che offre tanti di siti...

Locali a Napoli

Sono tanti i locali a Napoli dove poter trascorrere le serate e divertirsi, tra...

Mercatini a Napoli

Sono tanti mercatini a Napoli dove fare shopping e trovare capi a basso prezzo!...

Dove dormire a Napoli

Da qualche anno a questa parte l’offerta turistica per il pernottamento a Napoli si...

Dove mangiare a Napoli

Napoli è una città che offre una molteplicità di soluzioni diverse per mangiare, per...

Cosa fare a Napoli

Napoli è la città del mare, del Vesuvio, e della pizza, e c’è tanto...

Napoli di notte

Napoli è ricca di luoghi in cui poter trascorrere le serate dal centro storico,...

Cosa vedere a Napoli

Napoli città d’arte. La città offre una molteplicità di siti monumentali, aree verdi, scorci...