“Guardarse ‘mmocca pe ggulio”: l’affascinante significato del detto napoletano

Napoletanità
Articolo di , 02 Apr 2021

 

La storia della Napoli che fu è intrisa di un profondo romanticismo. Storie d’amore passionali e intensi drammi sentimentali, adornano i fitti arabeschi della tradizione partenopea. Innumerevoli sono le leggende e le storie realmente accadute che hanno avuto come protagonisti amanti tormentati dalle loro storie burrascose. A prescindere dalla casta sociale che andiamo ad esaminare, è possibile scoprire le innumerevoli sfaccettature di amori travagliati e storie meravigliose. Tutto questo si è inevitabilmente riflesso sul variegato idioma che contraddistingue il popolo che abita all’ombra del Vesuvio. A partire da queste premesse, detti ed espressioni tipiche hanno arricchito la lingua napoletana di una profonda vena amorosa. Nelle prossime righe, scopriremo il significato di un detto napoletano passionale ed affascinante: “Guardarse ‘mmocca pe ggulio”.

Il significato del detto napoletano “Guardarse ‘mmocca pe ggulio” 

 

Il desio arde possente nel cuore di chi ama. Il popolo napoletano è riconosciuto praticamente ovunque per la passione con cui vive le proprie relazioni; a prescindere dal grado di queste ultime. Quando si parla d’amore, poi, sovviene spontaneo ripensare alle grandi storie del passato; testimonianze storiche inestimabili di amori divenuti eterni grazie alla carta su cui sono state riportate o alle leggende tramandate oralmente dai più anziani di generazione in generazione. Quello oggetto del nostro articolo è un modo di dire che, negli anni, ha subito modifiche; cambiando nella forma semmai, ma mai nelle meravigliose intenzioni che vuole descrivere.

 

Tradotto letteralmente in italiano, il detto napoletano “Guardarse ‘mmocca pe ggulio” corrisponde a: “Guardarsi in bocca per desiderio”. L’espressione vuole commentare, magari talvolta con una leggera dose di malizia, il riflesso istantaneo per il quale, due innamorati, tendano a fissarsi intensamente, rivolgendo maggiore e più costante attenzione alla zona delle labbra.

 

Spinti da un irrefrenabile desiderio fisico, gli innamorati che si guardano le rispettive labbra per desio tendono a lanciarsi occhiate profonde e a tenere stretta la propria anima gemella. Atteggiamento solere degli innamorati di un tempo, era esprimere il proprio desiderio nei confronti dell’altro o dell’altra proprio guardandosi il labbro; specie durante le passeggiate mano nella mano o in momenti in cui scambiarsi effusioni non era contemplato. Oggi, non abbiamo più modo di sentire questo detto napoletano nel quotidiano. Ciò nonostante, una discreta quantità di persone continuano a tenerne vivo il lascito, commentando gli atteggiamenti degli innamorati di loro conoscenza. Come detto, spesso la forma dell’espressione finisce per essere travisata o, più discretamente, declinata, pur perpetuando la medesima intenzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti consigliamo anche

Links utili

Visitare Napoli in 3 giorni

Tre giorni a Napoli consentono di visitarne i monumenti principali e di assaporare una...

Visitare Napoli in 2 giorni

In due giorni a Napoli si ha il tempo sufficiente per visitare i monumenti...

Visite guidate a Napoli

Napoli è una città ricca di storia e arte che offre tanti di siti...

Locali a Napoli

Sono tanti i locali a Napoli dove poter trascorrere le serate e divertirsi tra...

Mercatini a Napoli

Sono tanti mercatini a Napoli dove fare shopping e trovare capi a basso prezzo!...

Dove dormire a Napoli

Da qualche anno a questa parte l’offerta turistica per il pernottamento a Napoli si...

Dove mangiare a Napoli

Napoli è una città che offre una molteplicità di soluzioni diverse per mangiare, per...

Cosa fare a Napoli

Napoli è la città del mare, del Vesuvio, e della pizza, e c’è tanto...

Napoli di notte

Napoli è ricca di luoghi in cui poter trascorrere le serate dal centro storico,...

Cosa vedere a Napoli

Napoli città d’arte. La città offre una molteplicità di siti monumentali, aree verdi, scorci...