“Dicette ‘o pappice vicino ‘a noce, damme ‘o tiempo ca te spertose”, il significato

Un proverbio napoletano antichissimo e sempre attuale, usato ormai da tutti: a volte in tono vendicativo, altre in modo incoraggiante... Conosciamo fino in fondo il suo significato!

Tradizioni e Curiosità
Articolo di , 14 Dic 2022
11011

I proverbi napoletani affondano origine antichissime nella tradizione orale popolare. Sono rappresentazione massima della saggezza cittadina che si tramanda gelosamente di generazione in generazione. I proverbi sono senza scadenza e senza limiti di applicazione: valgono sempre ed in ogni contesto, godono di un’attualità e versatilità notevole. Offrono insegnamenti, impartiscono consigli: per tali motivi spesso i genitori e i nonni li pronunciano ai loro pargoletti.
Alcuni proverbi napoletani sono poco conosciuti o pronunciati raramente mentre altri, al contrario, sono usati con frequenza e popolarità ed è impossibile non conoscerli. Uno di questi è proprio Dicette ‘o pappice vicino ‘a noce, damme ‘o tiempo ca te spertose. Ma cosa vorranno mai dire il pappice e la noce? Scopriamo insieme il significato!

Il significato del proverbio napoletano

Questo proverbio napoletano significa letteralmente: “disse il verme alla noce, dammi il tempo che ti perforo”.

Il detto popolare può assumere due significati
, uno più individuale ed uno con un destinatario.
Nel caso individuale, fa riferimento al tempo e alla pazienza che richiede ogni impresa ed ogni traguardo da raggiungere. Quando si è in procinto di ottenere un risultato e d’iniziare un percorso, bisogna tenere a mente questo proverbio, perché insegna che anche le cose che sembrano troppo grandi o insormontabili, come ad esempio un guscio di noce per un verme, con il tempo vengono perforate poco a poco. Bisogna essere pazienti e costanti, perché lentamente i risultati arrivano e ogni monte, per quanto alto, viene scalato. Ad un amico, un fratello, un fidanzato, un conoscente che è in preda allo sconforto perché non riesce a svolgere un lavoro, a passare un esame, a cambiare la propria fisicità o qualsiasi altra cosa simile, bisogna proferire questo proverbio per incoraggiarlo.

"Comme Barbarea, accussì Natalea", il significato del detto popolare

Per quanto concerne, invece, il significato collettivo, spesso il destinatario del proverbio è una persona con la quale ci si vuole vendicare di un torto subito. I napoletani, infatti, quando sostengono di essere stati traditi e trattati male o di aver ricevuto una scortesia, con tono malizioso e rancoroso pronunciano questo proverbio partenopeo, sicuri di ottenere in futuro la loro rivincita. La vendetta è un piatto che va servito freddo e questo i napoletani lo sanno molto bene: per questo, con calma, perforano piano piano il guscio del loro avversario!

La pazienza è la virtù dei forti: nel bene e nel male, il vermicello lo sa e come la goccia scava la pietra, il vermicello perfora il guscio di noce.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti consigliamo anche

Vivere Napoli

Visitare Napoli in 3 giorni

Come visitare Napoli in 3 giorni? Tutto quello che c'è da fare e vedere...

Visitare Napoli in 2 giorni

In due giorni a Napoli si ha il tempo sufficiente per visitare i monumenti...

Visite guidate a Napoli

Napoli è una città ricca di storia e arte che offre tanti di siti...

Locali a Napoli

Sono tanti i locali a Napoli dove poter trascorrere le serate e divertirsi, tra...

Mercatini a Napoli

Sono tanti mercatini a Napoli dove fare shopping e trovare capi a basso prezzo!...

Dove dormire a Napoli

Da qualche anno a questa parte l’offerta turistica per il pernottamento a Napoli si...

Dove mangiare a Napoli

Napoli è una città che offre una molteplicità di soluzioni diverse per mangiare, per...

Cosa fare a Napoli

Napoli è la città del mare, del Vesuvio, e della pizza, e c’è tanto...

Napoli di notte

Napoli è ricca di luoghi in cui poter trascorrere le serate dal centro storico,...

Cosa vedere a Napoli

Napoli città d’arte. La città offre una molteplicità di siti monumentali, aree verdi, scorci...