Riconsegnata al Mann la vasca in porfido rosso. Una votazione online aveva scelto Napoli

Dopo un meticoloso restauro, il capolavoro dalle Terme di Caracalla torna a risplendere nel Giardino delle Fontane

News
Articolo di , 30 Set 2023
311

Un altro tesoro torna a splendere nel cuore del Museo Archeologico Nazionale di Napoli. La vasca in porfido rosso, un autentico capolavoro proveniente dalle Terme di Caracalla a Roma, è stata oggetto di un restauro durato circa tre mesi. Lavoro reso possibile grazie al contributo prezioso della Rigoni di Asiago, in collaborazione con Fondaco Italia. La supervisione attenta del Laboratorio del Mann, con Mariateresa Operetto in qualità di responsabile, ha garantito un risultato eccezionale.

L’Archeologico e la sua preziosa vasca sono stati i protagonisti della settima tappa del progetto “La natura nel cuore di…”. Scelta Napoli grazie ad una votazione online che ha visto la partecipazione entusiastica di 33.569 internauti. Superate Verona e Perugia nella competizione. La “grande tazza” in porfido rosso fu scoperta nel XVI secolo durante gli scavi condotti dalla famiglia Farnese presso le Terme di Caracalla a Roma. Finalmente la vasca è pronta ad affascinare e a ispirare visitatori di tutto il mondo nel suggestivo Giardino delle Fontane del Museo Archeologico Nazionale di Napoli.

Scaturchio vince il ricorso al Tar: la pasticceria a San Gregorio Armeno può riaprire

Un bellissimo esempio di partenariato pubblico-privato

Il sindaco di Napoli Gaetano Manfredi ha ringraziato la Rigoni per aver scelto Napoli, queste le sue parole: “Non appena abbiamo saputo di questa iniziativa abbiamo promosso la partecipazione dei nostri cittadini. È un bellissimo esempio di partenariato, pubblico-privato, di come il mecenatismo delle aziende, in questo caso una azienda del nord, ha voluto investire su uno straordinario monumento all’interno di un sito ancora più straordinario come il Museo Archeologico”

Continua dicendo:  La scelta della tazza è significativa perché riqualifica uno spazio interno, uno spazio aperto, uno spazio verde. Noi abbiamo un grande progetto con il Mann che si articola su due poli, l’Albergo dei Poveri e la Galleria. Avremo degli spazi aperti che condivideranno delle parti espositive, di divulgazione scientifica e culturale, ma anche delle parti di intrattenimento”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti consigliamo anche

Vivere Napoli

Visitare Napoli in 3 giorni

Come visitare Napoli in 3 giorni? Tutto quello che c'è da fare e vedere...

Visitare Napoli in 2 giorni

In due giorni a Napoli si ha il tempo sufficiente per visitare i monumenti...

Visite guidate a Napoli

Napoli è una città ricca di storia e arte che offre tanti di siti...

Locali a Napoli

Sono tanti i locali a Napoli dove poter trascorrere le serate e divertirsi, tra...

Mercatini a Napoli

Sono tanti mercatini a Napoli dove fare shopping e trovare capi a basso prezzo!...

Dove dormire a Napoli

Da qualche anno a questa parte l’offerta turistica per il pernottamento a Napoli si...

Dove mangiare a Napoli

Napoli è una città che offre una molteplicità di soluzioni diverse per mangiare, per...

Cosa fare a Napoli

Napoli è la città del mare, del Vesuvio, e della pizza, e c’è tanto...

Napoli di notte

Napoli è ricca di luoghi in cui poter trascorrere le serate dal centro storico,...

Cosa vedere a Napoli

Napoli città d’arte. La città offre una molteplicità di siti monumentali, aree verdi, scorci...