Come preparare lo stoccafisso alla marinara

Un piatto semplice e gustoso, nel pieno stile della cucina di mare partenopea. Scopriamo come preparare lo stoccafisso alla marinara.

Cucina
Articolo di , 31 Ago 2022
Foto di Nicole da Pixabay

Quella napoletana è una tradizione culinaria molto preziosa. La cultura partenopea si diffonde in diverse branche, in maniera capillare e, sicuramente, i fornelli non sono esenti da questo processo. Città di navigatori, poeti, santi e peccatori, così viene definita Partenope. Dato il suo stretto legame col mare, è chiaro che, a tavola, il pesce sia una vera e propria istituzione.

Gli chef partenopei hanno impreziosito la cuisine del luogo con piatti eclettici e studiati nei minimi dettagli, ma il vero background culinario napoletano è quello delle famiglie; tramandato di generazione in generazione. Un secondo di pesce assolutamente evergreen e tutto napoletano è lo stoccafisso alla marinara, di cui vi presentiamo la ricetta.

Stoccafisso alla marinara: ingredienti

Scopriamo le dosi per quattro persone, ovviamente, da aumentare proporzionalmente a seconda dei commensali:

  • Stoccafisso 600 g
  • Pomodori freschi 500 g
  • Capperi 15 g
  • Olive nere 100 g
  • Olio extravergine di oliva
  • Aglio
  • Prezzemolo fresco
  • Sale q.b.

Come preparare lo stoccafisso alla marinara 

La prima cosa da fare quando si prepara lo stoccafisso alla marinara è pulire il pesce, per poi tenerlo in acqua fredda e sale per un po’, prima di cucinarlo. Dopodiché, si procede preparando la salsa, facendo soffriggere i pomodori tagliati preventivamente a pezzetti con l’olio ed uno spicchio d’aglio. Il sugo dovrà cuocere per circa 5 minuti, per poi essere salato. A questo punto, non si dovrà fare altro che tagliare il pesce a pezzi e, dieci minuti dopo, aggiungere le olive nere ed i capperi. Ora, basterà tenere il tutto sul fuoco per ancora qualche minuto (tre dovrebbero essere sufficienti). Una volta pronto, si dispone la pietanza sul piatto e si procede con l’aggiunta di un po’ di prezzemolo tritato al momento, fondamentale per aggiungere un po’ di freschezza in più nella stragrande maggioranza dei piatti di mare; anche se, qualora non si preferisse, si può tranquillamente omettere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti consigliamo anche

Vivere Napoli

Visitare Napoli in 3 giorni

Come visitare Napoli in 3 giorni? Tutto quello che c'è da fare e vedere...

Visitare Napoli in 2 giorni

In due giorni a Napoli si ha il tempo sufficiente per visitare i monumenti...

Visite guidate a Napoli

Napoli è una città ricca di storia e arte che offre tanti di siti...

Locali a Napoli

Sono tanti i locali a Napoli dove poter trascorrere le serate e divertirsi, tra...

Mercatini a Napoli

Sono tanti mercatini a Napoli dove fare shopping e trovare capi a basso prezzo!...

Dove dormire a Napoli

Da qualche anno a questa parte l’offerta turistica per il pernottamento a Napoli si...

Dove mangiare a Napoli

Napoli è una città che offre una molteplicità di soluzioni diverse per mangiare, per...

Cosa fare a Napoli

Napoli è la città del mare, del Vesuvio, e della pizza, e c’è tanto...

Napoli di notte

Napoli è ricca di luoghi in cui poter trascorrere le serate dal centro storico,...

Cosa vedere a Napoli

Napoli città d’arte. La città offre una molteplicità di siti monumentali, aree verdi, scorci...