“Puozze passà p”a loggia”: storia e significato del colorito insulto napoletano

Un detto dal significato particolarmente icastico e dalla storia ricca di sfaccettature. Vi presentiamo "Puozze passà p''a loggia".

Tradizioni e Curiosità
Articolo di , 18 Lug 2022

Il vocabolario napoletano custodisce l’inestimabile tradizione ed il lascito storico della Città che fu. Il passato di Partenope non è mai realmente svanito, lasciando al popolo, agli edifici e alle strade il compito di esserne testimoni e di continuare a ricordarlo attraverso tradizioni, usanze, storie e modi di dire.

Sì, perché dai detti tipici e dal loro significato trasudano le dinamiche della Napoli passata, i comportamenti e le pratiche dei suoi abitanti e, talvolta, veri e propri aneddoti determinati nel tempo.

“Puozze passà p” a loggia” ne è un esempio lampante: un insulto deciso, icastico e dal significato particolarmente forte che porta con sé un curioso antefatto. Lo scopriamo nelle prossime righe.

Storia e significato di “puozze passà p” a loggia” 

Tradotto direttamente dal napoletano, “puozze passà p” a loggia” corrisponde a : “Che tu possa passare per la Loggia”. Sin dai primi sguardi al modo di dire, senza neanche tradurlo, si percepisce l’invito al transito in una zona specifica della città. Napoli è ben nota agli appassionati di esoterismo, misteri e corporazioni per la presenza delle Logge, come quella massonica in Galleria Umberto, ad esempio.

Ebbene, quella a cui il detto fa riferimento è la Loggia di Genova; un territorio franco per la Repubblica marinara in cui i cittadini genovesi avevano modo di auto-amministrarsi; seguendo i dettami e le regole delle loro autorità. Le Logge si affiancavano ai caratteristici Sedili in cui vigeva l’autogoverno totale.

Il luogo era situato nei pressi di via Nuova Marina e, all’epoca, veniva utilizzato come zona di transito per i cortei funebri provenienti dal centro storico e diretti ai cimiteri della periferia di Poggioreale. A questo punto, il significato di “puozze passà p” a loggia” appare chiaro. Trattasi di un singolare invito alla morte, eseguito in maniera molto velata, tanto da risultare incomprensibile anche a chi, di fatto, conosce la lingua napoletana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti consigliamo anche

Vivere Napoli

Visitare Napoli in 3 giorni

Come visitare Napoli in 3 giorni? Tutto quello che c'è da fare e vedere...

Visitare Napoli in 2 giorni

In due giorni a Napoli si ha il tempo sufficiente per visitare i monumenti...

Visite guidate a Napoli

Napoli è una città ricca di storia e arte che offre tanti di siti...

Locali a Napoli

Sono tanti i locali a Napoli dove poter trascorrere le serate e divertirsi, tra...

Mercatini a Napoli

Sono tanti mercatini a Napoli dove fare shopping e trovare capi a basso prezzo!...

Dove dormire a Napoli

Da qualche anno a questa parte l’offerta turistica per il pernottamento a Napoli si...

Dove mangiare a Napoli

Napoli è una città che offre una molteplicità di soluzioni diverse per mangiare, per...

Cosa fare a Napoli

Napoli è la città del mare, del Vesuvio, e della pizza, e c’è tanto...

Napoli di notte

Napoli è ricca di luoghi in cui poter trascorrere le serate dal centro storico,...

Cosa vedere a Napoli

Napoli città d’arte. La città offre una molteplicità di siti monumentali, aree verdi, scorci...