La cresommola: storia ed etimologia del termine napoletano

La cresommola, un termine napoletano dalla lunga storia.

Tradizioni e Curiosità
Articolo di , 30 Mag 2022

La lingua napoletana è un agglomerato di regole, di tradizioni e di colori.

Si tratta di un sistema linguistico così approfondito e così composito poiché esprime la storia della città che l’ha creato.
La lingua partenopea è infatti il risultato di un’enorme storia, di una storia lunga secoli, secoli nei quali si sono susseguiti innumerevoli avvenimenti e nei quali si sono stanziati tantissimi popoli differenti. Questi ultimi hanno contribuito a creare quella che è la vita attuale della città sotto molti aspetti, tra i quali non manca quello culturale.

L’influenza greca nel dialetto napoletano

Gli antichi greci sono stati fondamentali per la storia di Napoli.

Il virtuoso popolo, dotato di grande volontà e di un’enorme fame di conquista, come è ben noto, non disdegnarono la Campania nel loro riuscito tentativo di fondazione della Magna Grecia. A questi ultimi sono infatti addirittura dovute le origini della città di Parthenope.

La loro contaminazione nella città del sole è stata così presente da esserlo addirittura tutt’oggi. Il loro modo di parlare, i loro lemmi e i loro idiomi si sono mescolati con quelli già presenti nella zona, fino a divenire importante parte della lingua napoletana all’epoca e da risultare presente ancora oggi, nonostante il passare dei secoli.

La cresommola

L’influenza linguistica greca non ha risparmiato alcunché. Anche la frutta è stata grecizzata. Termini napoletani così distanti dai corrispettivi italiani devono infatti le proprie origini proprio a tale antica cultura.

A Napoli, l’albicocca infatti diventa la cresommola.
Ma come si arriva da albicocca a cresommola?
È qui che entra in ballo la Grecia.

Il termine cresommola deve la propria etimologia proprio all’antica Grecia.
La parola deriva infatti dai vocaboli chrysoun melon, che hanno il significato di “frutto d’oro”.

La cresommola è ritenuta difatti il frutto d’oro poiché, quando è matura, sui rami della sua pianta d’albicocco brilla come fosse vero oro.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti consigliamo anche

Vivere Napoli

Visitare Napoli in 3 giorni

Come visitare Napoli in 3 giorni? Tutto quello che c'è da fare e vedere...

Visitare Napoli in 2 giorni

In due giorni a Napoli si ha il tempo sufficiente per visitare i monumenti...

Visite guidate a Napoli

Napoli è una città ricca di storia e arte che offre tanti di siti...

Locali a Napoli

Sono tanti i locali a Napoli dove poter trascorrere le serate e divertirsi, tra...

Mercatini a Napoli

Sono tanti mercatini a Napoli dove fare shopping e trovare capi a basso prezzo!...

Dove dormire a Napoli

Da qualche anno a questa parte l’offerta turistica per il pernottamento a Napoli si...

Dove mangiare a Napoli

Napoli è una città che offre una molteplicità di soluzioni diverse per mangiare, per...

Cosa fare a Napoli

Napoli è la città del mare, del Vesuvio, e della pizza, e c’è tanto...

Napoli di notte

Napoli è ricca di luoghi in cui poter trascorrere le serate dal centro storico,...

Cosa vedere a Napoli

Napoli città d’arte. La città offre una molteplicità di siti monumentali, aree verdi, scorci...