Juan Jesus torna sul caso Acerbi e si commuove parlando di razzismo: “Preferisco essere un esempio per i bambini”

Intervento toccante del giocatore del Napoli, Juan Jesus, nel corso di un allenamento molto speciale.

News
Articolo di , 21 Mag 2024
191
Foto TGR Campania

Campione di calcio e nella vita, Juan Jesus non trattiene le lacrime mentre parla di razzismo rivolgendosi a una squadra molto speciale, formata da bambini italiani e da bambini fuggiti dalla guerra: “Nel calcio si può vincere, si può perdere. Preferisco vincere qualche trofeo in meno ed essere un esempio per i bambini”, ha detto il difensore del Napoli.

Juan Jesus torna sul caso Acerbi e si commuove parlando di razzismo

Come racconta un servizio del TGR Campania, il calciatore brasiliano è tornato sul caso Acerbi nel corso dell’iniziativa “Alleniamoci per la Pace”, che si è svolta al centro sportivo Kodokan di Piazza Carlo III. L’evento è stato organizzato da Arci Mediterraneo, allo scopo di dare un calcio al razzismo e alla guerra e per lanciare un messaggio di pace con il patrocinio della comunità afgana, della comunità ebraica, della comunità ucraina e con il sostegno delle varie comunità arabe e africane del territorio di Napoli.

Asia, la giovane guerriera malata di cancro bullizzata sui social. Mattarella: "Complimenti per la tua forza"

Quello che è successo a me è stata una brutta cosa” – ha detto Juan Jesus tra le lacrime, riferendosi al caso Acerbi -“Ho fatto quello che dovevo fare, purtroppo è andata come è andata. Sapevo già come sarebbe andata a finire”.

“Il calcio deve insegnare il rispetto, ma spesso chi dovrebbe dare il buon esempio si lascia andare a comportamenti ignobili. Questi bambini vogliono dare una lezione anche a chi, sui campi di Serie A, non comprende l’importanza del proprio ruolo e la gravità di un atto di razzismo – ha detto Mariano Anniciello, fondatore di Arci Mediterraneo, organizzazione che lavora per la pace, per l’accoglienza e per i giovani.  La pace crea opportunità di crescita e di armonia: “Attraverso il calcio, impariamo che la vera vittoria non è quella che si ottiene sconfiggendo un avversario, ma quella che si conquista collaborando per un obiettivo comune. Questi bambini allenano i propri valori e costruiscono ponti invece di muri. Ogni volta che scegliamo di rispettare e apprezzare le differenze, stiamo facendo un passo verso un mondo migliore”, ha concluso.

Whatsapp Canale Whatsapp Canale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti consigliamo anche

Vivere Napoli

Visitare Napoli in 3 giorni

Come visitare Napoli in 3 giorni? Tutto quello che c'è da fare e vedere...

Visitare Napoli in 2 giorni

In due giorni a Napoli si ha il tempo sufficiente per visitare i monumenti...

Visite guidate a Napoli

Napoli è una città ricca di storia e arte che offre tanti di siti...

Locali a Napoli

Sono tanti i locali a Napoli dove poter trascorrere le serate e divertirsi, tra...

Mercatini a Napoli

Sono tanti mercatini a Napoli dove fare shopping e trovare capi a basso prezzo!...

Dove dormire a Napoli

Da qualche anno a questa parte l’offerta turistica per il pernottamento a Napoli si...

Dove mangiare a Napoli

Napoli è una città che offre una molteplicità di soluzioni diverse per mangiare, per...

Cosa fare a Napoli

Napoli è la città del mare, del Vesuvio, e della pizza, e c’è tanto...

Napoli di notte

Napoli è ricca di luoghi in cui poter trascorrere le serate dal centro storico,...

Cosa vedere a Napoli

Napoli città d’arte. La città offre una molteplicità di siti monumentali, aree verdi, scorci...