‘O Scetavajasse, ‘o Triccheballacche e ‘o Putipù, gli strumenti musicali della tradizione partenopea

Al Carnevale è legato l’utilizzo di tre strumenti musicali tipici della tradizione napoletana e di alcune regioni del Meridione: ‘O Scetavajasse, ‘O Triccheballacche e ‘O Putipù. Vediamo cosa sono.

Arte e Cultura
Articolo di , 21 Ago 2021
10126

Carnevale tempo di feste, di coriandoli e di stelle filanti.

Per le strade di Napoli è un tripudio di colori, con i bambini abbigliati con i costumi del tempo che sfilano mostrando a tutti i passanti i costumi carnevaleschi.
Proprio al Carnevale è legato l’utilizzo di tre strumenti musicali tipici della tradizione napoletana e di alcune regioni del Meridione: ‘O Scetavajasse, ‘O Triccheballacche e ‘O
Putipù.

Pompei, scoperta una tomba unica. Giallo sul corpo semi mummificato.

O Scetavajasse

‘O Scetavajasse è uno strumento formato da due bastoncini di legno di cui uno dentellato, più lungo, a cui sono agganciati dei piattini di latta; l’altro è più piccolo e liscio.

Lo sfregamento dei due legni produce lo scampanio ritmato dei piatti. Il nome così particolare deriva da “sceta” che in dialetto partenopeo significa “sveglia” e “vajasse” che può essere tradotto come “domestica”, o come “donna sguaiata o volgare” ovvero come “donna di facili costumi”.

‘O triccheballacche

‘O triccheballacche è formato da tre aste di legno, poste parallelamente tra loro, alle cui estremità vi sono altrettanti cilindri di legno che formano tre martelletti. L’estremità di questi bastoni di legno sono fissate, prima, ad una base, a cui si aggiunge un telaio, posto più in alto, che permette ai due martelletti esterni di avere un’escursione “regolata”.

Lo strumento funziona con i due martelletti esterni che, mossi dal musicista, battono su quello centrale, producendo un rumore intenso.

‘O Putipù

Infine, ‘o Putipù è uno strumento composto da una membrana in pelle animale o in tela grossa, una canna di bambù e da una camera di risonanza che può essere realizzata in legno, latta o terracotta.

Il suono viene prodotto sfregando la mano lungo la canna tenuta premuta contro la membrana.

Immaginiamo il festoso corteo, formato da coloro che suonano questi tipici strumenti, per i vicoli e i quartieri: è una ventata di allegria, tra maschere e risa, i bambini corrono intorno battendo le mani. È un preludio di Primavera!

Whatsapp Canale Whatsapp Canale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti consigliamo anche

Vivere Napoli

Visitare Napoli in 3 giorni

Come visitare Napoli in 3 giorni? Tutto quello che c'è da fare e vedere...

Visitare Napoli in 2 giorni

In due giorni a Napoli si ha il tempo sufficiente per visitare i monumenti...

Visite guidate a Napoli

Napoli è una città ricca di storia e arte che offre tanti di siti...

Locali a Napoli

Sono tanti i locali a Napoli dove poter trascorrere le serate e divertirsi, tra...

Mercatini a Napoli

Sono tanti mercatini a Napoli dove fare shopping e trovare capi a basso prezzo!...

Dove dormire a Napoli

Da qualche anno a questa parte l’offerta turistica per il pernottamento a Napoli si...

Dove mangiare a Napoli

Napoli è una città che offre una molteplicità di soluzioni diverse per mangiare, per...

Cosa fare a Napoli

Napoli è la città del mare, del Vesuvio, e della pizza, e c’è tanto...

Napoli di notte

Napoli è ricca di luoghi in cui poter trascorrere le serate dal centro storico,...

Cosa vedere a Napoli

Napoli città d’arte. La città offre una molteplicità di siti monumentali, aree verdi, scorci...