Munastero ‘e Santa Chiara… (versi di Galdieri – musica di Barberis)

Grande Napoli

Ma che bella la musica napoletana…. Scritta nel 1945, “Munasterio ‘e Santa Chiara” fu proposta da Giacomo Rondinella nella rivista di Galdieri, autore del testo, “Imputato alziamoci” con Totò, Anna Magnani, Alberto Sordi e Peppino De Filippo.

Il brano canta il desiderio di tornare a Napoli dopo la guerra e, allo stesso tempo, la paura di trovare solo distruzione (alle macerie dell’antica chiesa di Santa Chiara allude il titolo), sulla melodia lenta composta da Alberto Barberis. La devastazione lasciata dai bombardamenti non è solo quella delle strade, dei palazzi, ma è anche quella dei costumi, del “core”, motivo centrale della canzone napoletana, di cui Galdieri testimonia qui la fine.

“Munasterio ‘e Santa Chiara” ottenne un immediato successo in Italia ed all’estero, divenendo un classico del repertorio dei più grandi interpreti della canzone napoletana. Roberto Murolo incluse il brano nel suo lavoro “Napoletana. Antologia cronologica della canzone partenopea”, dodici trentarè giri incisi tra il 1963 e il 1965.

Munastero ‘e Santa Chiara…

IDimane ?… Ma vurria partì stasera !
Luntano no… nun ce resito cchiù !
Dice che c’è rimasto sulo ‘o mare,
che ‘o stesso ‘e primma… chillu mare blu !

Munastero ‘e Santa Chiara…
tengo ‘o core scuro scuro…
ma pecchè, pecchè ogne sera
penzo a Napule comm’era, penzo a Napule comm’è ?

Funtanella ‘e Capemonte…
chistu core mme se schianta
quano sento ‘e dì d’ ‘a ggente
ca s’è fatto malamente, ‘stu paese… ma pecchè ?

No… nun è overo ! No… nun ce crero
E moro pe’ ‘sta smania ‘e turnà  a Napule…
ma ch’aggia fa… mme fa paura ‘e ce turnà  !

IIPaura ? … Si… Se fosse tutto overo ?
Se ‘a ggente avesse ditto ‘a verità  ?
Tutt’ ‘a ricchezza ‘e Napule… era… ‘o core !
Dice… ch’a perzo pure chillu llà  !

Munastero ‘e Santa Chiara…
‘nchiuse dint’a quatto mura,
quanta femmene sincere
si perdevano n’ammore, se spusavano a Gesù.

Funtanella ‘e Capemonte…
mò si perdono n’amante
gia ne teneno ‘ati cciento…
ca ‘na femmena nnucente – dice ‘a ggente – nun c’è cchiù.

No… nun è overo ! No… nun ce crero
E moro pe’ ‘sta smania ‘e turnà  a Napule…
ma chaggia fa… mme fa paura ‘e ce turnà  !

Munastero ‘e Santa Chiara…
tengo ‘o core scuro scuro…
ma pecchè, pecchè ogne sera
penzo a Napule comm’era,
penzo a Napule comm’è ?



Comments to Munastero ‘e Santa Chiara… (versi di Galdieri – musica di Barberis)

  • si e guadagnato il successo

    strumenti musicali mercatino musicale 5 agosto 2010 14:50 Rispondi
  • Il grande Michele Galdieri… mio maestro di vita e di lavoro – quando durante la seconda parte degli anni ’50 lavoravamo insieme per la produzione settimanale di Orfeo al Juke Box, Sorella Radio, e altri programmi – sempre per RAI…
    Pietro Corsi

    Pietro Corsi 27 novembre 2016 2:54 Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu