La zuppa di cozze del giovedì santo a Napoli

Cucina
Articolo di , 09 Apr 2009

 

Come un po’ tutte le feste napoletane, anche il giovedì santo è diviso tra il sacro e il profano.
Il sacro riguarda il lato cristiano, infatti la sera del giovedì si celebra la Messa in Cena Domini (Messa della Cena del Signore), che dà  solenne inizio al Triduo Pasquale; in essa si fa memoriale dell’Ultima Cena consumata da Gesù prima della sua passione e si commemorano l’istituzione dell’Eucarestia e del sacerdozio e il comandamento dell’amore. Durante questa Messa si svolge il rito della lavanda dei piedi, ripetendo quello che Gesù stesso fece dopo l’Ultima Cena.

 

Il lato profano riguarda il lato tradizionale della cucina napoletana, la zuppa di cozze, o più propriamente detta ‘a zupp’ ‘e cozzeche, che si mangia la sera: una vera prelibatezza.

 

Quindi per chi volesse cucinarsela da sé ecco la ricetta della mia nonna.

 

Ingredienti per 8 porzioni
100 ml  d’ olio extravergine di oliva
3 spicchi d’aglio
300 gr. di salsa di pomodoro molto concentrata
1 bicchiere di olio piccante
1 kg di freselle
3 kg di cozze
un grosso polipo
1/ kg di gamberetti e maruzzielli

 

Preparazione
Per la Salsa:
Far scaldare bene l’olio.
Quando questo è ben caldo, aggiungere gli spicchi d’aglio.
Quando questi sono ben dorati, toglierli dall’olio ed aggiungere le salse, 2 tazzine d’acqua e far cuocere, a fuoco lento per 10-15 minuti.
Far riposare 15 minuti, filtrare e mettere da parte.

 

La Zuppa:
Pulire bene le cozze, e scaldarle in un litro d’acqua (senza sale).
Togliere le cozze, e filtrare l’acqua di cottura.
Scaldare il polpo ed i maruzzielli.
Disporre nel piatto (individuale) 3-4 freselle, bagnarle con l’acqua di cottura delle cozze; aggiungere il polpo lessato e tagliato a grossi pezzi, le cozze, i gamberetti, i maruzzielli, ed infine, la salsa a piacere.

 

2 risposte a “La zuppa di cozze del giovedì santo a Napoli”

  1. flo ha detto:

    mezzo litro d’olio??? tu nun stai

    • Valentina Cosentino ha detto:

      La quantità d’olio, trattandosi di una ricetta decisamente datata, quando la cucina badava un po’ meno di oggi alla quantità di grassi da usare, potrebbe anche essere verosimile, ad ogni modo abbiamo provveduto a rivedere i quantitativi per tempi più moderni. La quantità d’olio resta comunque elevate, tipica di una cucina decisamente non a prova di dieta. Si tratta però anche di dover condire svariati chili di pesce. Grazie comunque per il suggerimento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti consigliamo anche

Links utili

Visitare Napoli in 3 giorni

Tre giorni a Napoli consentono di visitarne i monumenti principali e di assaporare una...

Visitare Napoli in 2 giorni

In due giorni a Napoli si ha il tempo sufficiente per visitare i monumenti...

Visite guidate a Napoli

Napoli è una città ricca di storia e arte che offre tanti di siti...

Locali a Napoli

Sono tanti i locali a Napoli dove poter trascorrere le serate e divertirsi tra...

Mercatini a Napoli

Sono tanti mercatini a Napoli dove fare shopping e trovare capi a basso prezzo!...

Dove dormire a Napoli

Da qualche anno a questa parte l’offerta turistica per il pernottamento a Napoli si...

Dove mangiare a Napoli

Napoli è una città che offre una molteplicità di soluzioni diverse per mangiare, per...

Cosa fare a Napoli

Napoli è la città del mare, del Vesuvio, e della pizza, e c’è tanto...

Napoli di notte

Napoli è ricca di luoghi in cui poter trascorrere le serate dal centro storico,...

Cosa vedere a Napoli

Napoli città d’arte. La città offre una molteplicità di siti monumentali, aree verdi, scorci...