Napoli verticale, il nuovo trend urbano della città

Una nuova tendenza che sta sviluppandosi sempre più: la riscoperta dei percorsi verticali di Napoli attraverso i quali vivere l'anima più autentica della città.

Tendenze
Articolo di , 29 Apr 2021
2610

Un fenomeno che sta sviluppandosi sempre quello della riscoperta della cosiddetta mobilità attiva. Vale a dire l’utilizzo per gli spostamenti abituali della bicicletta o andando a piedi. Permettendo in questo modo di utilizzare strade a cui non eravamo più abituati.

Napoli non è solo “mille culure”, come cantava Pino Daniele, è anche una città che si sviluppa su diversi livelli, dal sottosuolo di Partenope alle altezze svettanti di Castel Sant’Elmo.

Gli spettacoli della natura: la cascata di Acquapendente

Il nuovo trend urbano  consiste anche nella riscoperta, o meglio, nel riutilizzo, di percorsi che dalla parte alta della città arrivano fino al livello del mare. Napoli dispone infatti di un patrimonio di scale (135) e di gradinate (69) che racconta la storia, la cultura e il paesaggio della città. Sono inoltre considerate dei veri e propri capolavori urbanistici e la maggior parte ha avuto origine durante la dominazione spagnola. Le scale sono percorsi pedonali che attirano non solo i napoletani che amano scoprire la propria città ma anche un numero crescente di turisti. Regalano scorci incredibili, che fanno dimenticare la fatica, consentendo di scoprire la città con lentezza. Quindi scarpe comode, cellulare carico per le foto e pronti a scoprire quali sono le più caratteristiche.

  • Le Rampe del Petraio
    Costruite tra il XVI e il XVII secolo, collegano il quartiere Vomero al quartiere Chiaia. Prendono il nome dal luogo dove le piogge alluvionali depositano i ciottoli ed è per questo che in passato era chiamato l’imbrecciata. Oggi  il percorso è vario, si incontrano infatti palazzi eleganti e tipici bassi napoletani.
  • La Pedamentina
    Le rampa più famosa di Napoli e la più battuta dai turisti. Collega San Martino al centro storico. Con i suoi 414 scalini, è anche la più antica, infatti la costruzione fu iniziata nel XIV secolo. Percorrendola è possibile ammirare sia la spettacolare vista sul golfo che gli orti e i giardini della Certosa.
  • Calata San Francesco
    Inizia al Vomero e termina al Corso Vittorio Emanuele. In passato era chiamata la grande via che scende a Chiaia. Era già presente nel 1775 e l’origine del nome non è chiara.
  • Scale di Sant’Antonio ai Monti
    Collegano il Corso Vittorio Emanuele con Montesanto. Costruite alla metà del XVII secolo, erano già molto trafficate alla fine del ‘600, in quanto erano una strada di passaggio.
  • Il Moiariello
    Collega la collina di Capodimonte alla trafficatissima via Foria. E’ un punto panoramico di Napoli per pochi, in quanto non sono note a molti.
Whatsapp Canale Whatsapp Canale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti consigliamo anche

Vivere Napoli

Visitare Napoli in 3 giorni

Come visitare Napoli in 3 giorni? Tutto quello che c'è da fare e vedere...

Visitare Napoli in 2 giorni

In due giorni a Napoli si ha il tempo sufficiente per visitare i monumenti...

Visite guidate a Napoli

Napoli è una città ricca di storia e arte che offre tanti di siti...

Locali a Napoli

Sono tanti i locali a Napoli dove poter trascorrere le serate e divertirsi, tra...

Mercatini a Napoli

Sono tanti mercatini a Napoli dove fare shopping e trovare capi a basso prezzo!...

Dove dormire a Napoli

Da qualche anno a questa parte l’offerta turistica per il pernottamento a Napoli si...

Dove mangiare a Napoli

Napoli è una città che offre una molteplicità di soluzioni diverse per mangiare, per...

Cosa fare a Napoli

Napoli è la città del mare, del Vesuvio, e della pizza, e c’è tanto...

Napoli di notte

Napoli è ricca di luoghi in cui poter trascorrere le serate dal centro storico,...

Cosa vedere a Napoli

Napoli città d’arte. La città offre una molteplicità di siti monumentali, aree verdi, scorci...