Villa Ferretti: da quartier generale della camorra a bene comune

Villa Ferretti: da quartier generale della camorra a bene comune
2.5 (50%) 4 votes

Villa Ferretti e la sua incantevole spiaggia riaprono al pubblico. Dopo essere stata confiscata alla camorra questa dimora diventa finalmente patrimonio dello stato e restituita così alla collettività.

Ai piedi del Castello di Baia sorge un’incantevole residenza di fine ‘800  chiamata Villa Ferretti, dimora fatta costruire da una facoltosa famiglia di armatori Genovesi, che decise di erigere proprio nella zona di Bacoli la propria residenza estiva. Dotata di un ampio parco e di una spiaggetta privata da cui si può osservare un panorama mozzafiato, Villa Ferretti è l’orgoglio e il simbolo della bellezza di questa terra.

Un riscatto sociale

La storia moderna  di Villa Ferretti , è  però una storia molto travagliata e questo perché per anni la villa è stata sotto il controllo della malavita. Essa infatti è  appartenuta per diverso tempo al boss Giuseppe Costigliola che ne ha fatto il suo quartier generale per loschi affari.

Villa Ferretti , però grazie all’intervento statale, viene  sequestrata  al boss nel 1995 e solo nel 1997 con il  sostegno delle istituzioni, e con una  sentenza emanata  dal Tribunale di Napoli,  diventa a partire da quell’anno patrimonio architettonico, questa volta sotto la tutela dello Stato e si decide che debba essere  riutilizzata per fini sociali.

Dopo la riqualificazione del parco di cui è dotata la Villa stessa, avvenuto già qualche anno fa, grazie ai fondi europei stanziati, ora tocca proprio alla residenza  riprendere l’antico splendore di un tempo.

Oggi finalmente Villa Ferretti  viene restituita alla collettività, una collettività che può ammirare così non solo la sua bellezza architettonica ma che nei periodi estivi può godere  della suggestiva spiaggetta privata, dove ogni cittadino può scegliere di sostare per godersi qualche ora in completo relax a partire dalle ore 9.00 fino alle 19.00,  la spiaggetta  per tutta l’estate diventa, infatti, accessibile a tutti.



Comments to Villa Ferretti: da quartier generale della camorra a bene comune

  • Gradirei sapere come si arriva in questo splendido posto, grazie

    Alessandra Paolucci 7 luglio 2016 20:31 Rispondi
    • E’ proprio sotto il Castello di Baia.
      Via Castello, 14, 80070 Bacoli NA

      Valentina Cosentino Valentina Cosentino 7 luglio 2016 21:01 Rispondi
  • Bellissima spiaggetta acqua stupenda,l’unica pecca i bagni sono esistenti ma chiusi,a causa di mancato collaudo, almeno così c’è sritto, sarebbe bello aprirli anche a con una piccola quota a pagamento grazie

    Rosaria avilio 20 agosto 2016 15:17 Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu