Via dei Tribunali: sapete la sua storia e perché si chiama così?

Via dei Tribunali: sapete la sua storia e perché si chiama così?
5 (100%) 1 vote

Ecco cosa si cela dietro al nome di una delle strade più conosciute di Napoli.

Che i nomi delle strade siano testimonianza della storia passata di una città non è certo una novità. Ogni odonimo (dal greco hodós “via, strada”) è infatti intriso di secoli di storia, di evoluzione linguistica e ideologica, di identità culturale. L’alternarsi delle dominazioni, le trasformazioni sociali ed economiche, queste e molte altre le cause che hanno portato una strada ad avere quella particolare denominazione.

Via dei Tribunali si trova in pieno centro storico ed è una delle strade più folkloristiche di Napoli. Chiamata in passato anche via Augustale, via di Capuana (appellativo del quale ritroviamo una citazione nell’Amleto del Boccaccio e nell’Itinerarium Syriacum del Petrarca) e via del mercato vecchio, Via dei Tribunali deve il suo attuale toponimo al viceré don Pedro de Toledo. Questi, infatti, decise di trasportare nel vicino Castel Capuano i cinque tribunali; della città suscitando non poca agitazione tra il popolo che temeva “i Tribunali” riuniti molto di più di quanto non li temesse distribuiti in vari edifici sparsi per la città.

Oggi questa via è meta turistica per eccellenza e non è un caso: è qui che si trova la cappella de Il Pio Monte della Misericordia che ospita un Caravaggio con il suo capolavoro “Le sette opere della Misericordia” e altre affascinanti opere di altri caravaggeschi. Proseguendo si giunge alla chiesa di San Lorenzo Maggiore, poi alla basilica di San Paolo Maggiore, per non parlare del Conservatorio di San Pietro a Maiella che trova qui la sua ubicazione.



Comments to Via dei Tribunali: sapete la sua storia e perché si chiama così?

  • Conoscete vicolo verticoeli ? È una traversa dove si trova l’antica chiesa barocca sconscrata di Santa Maria di Verticoeli. Che sogno riportarla allo splendore !

    Antonio 26 maggio 2016 5:55 Rispondi
  • Onorato di esserci nato 67 anni fa e trovato la donna della mia vita NANA

    Salvatore di giovanni 26 maggio 2016 22:49 Rispondi
  • La strada del mio amore NANA

    Salvatore 26 maggio 2016 22:51 Rispondi
  • Una strada ricca di folklore,ma dove,ahime’, regna il degrado più totale a partire dalla fantiscenza dei tanti palazzi storici. Un vero peccato.

    Rita 2 dicembre 2016 10:53 Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu