La vera ricetta delle melanzane a funghetto, il piatto napoletano che fa impazzire tutti

Grande Napoli
La vera ricetta delle melanzane a funghetto, il piatto napoletano che fa impazzire tutti
5 (100%) 1 vote

Il contorno napoletano che piace a tutti. C’è un trucco che fa la differenza!

 

Chi di voi non va pazzo per le melanzane a funghetto? Un piatto della tradizione napoletana  molto semplice da preparare ma dal sapore unico. L’ideale per accontentare i palati di tutti. Ecco la vera ricetta della tradizione napoletana.

 

Ingredienti per 4 persone:

  • 1 kg di melanzaneù
  • 500 g pomodorini
  • qualche foglia di basilico fresco
  • 1 spicchio d’aglio
  • sale,pepe
  • olio extra vergine d’oliva bio
  • olio d’arachidi o girasole per friggere

 

Preparazione:

Lavare le melanzane,eliminare i torsoli e tagliarle in 3 parti,poi a bastoncini 1 cm per 1 cm (potete tagliarle anche a cubotti,io preferisco i bastoncini,ma non cambia tanto il risultato finale) metterle in una ciotola con un pizzico di sale fino su quasi ogni strato e lasciarle riposare un’oretta in modo che rilascino la loro acqua e perdano l’amarognolo. Passato il tempo sciacquare le melanzane,strizzarle e asciugarle con carta da cucina.

Mettere a scaldare dell’olio d’arachid

i in un’ampia padella e friggere le melanzane poche per volta nell’olio bollente,mettere ad asciugare man mano su carta per fritti. Mentre friggono le melanzane potete preparare il sugo. Lavare i pomodori,tagliarli in due parti e tenerli da parte.

Sbucciare l’aglio e lavare il basilico. Mettere a riscaldare dell’olio evo in una capiente padella e far dorare leggermente l’aglio. Unire i pomodori all’olio,salare e pepare,cuocere a fuoco medio finchè i pomodori sono cotti.

 

Appena il sugo è pronto unire le melanzane fritte,mescolare in modo da ricoprire le melanzane con sugo,unire il basilico lavato e lasciar insaporire qualche minuto a fuoco dolce. Le melanzane a funghetto sono pronte per essere servite,sono ottime sia calde,che tiepide,ma anche fredde sono deliziose

 

 

 

 

 

 

 

Fonte Giallo.zafferano



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu