Variante Delta in diffusione: entro agosto sarà quella dominante. Spuntano le sottovarianti, tra cui la plus

La variante Delta - conosciuta per la sua contagiosità - rischia di soppiantare la variante inglese (o Alfa) come ceppo dominante. Intanto, si comincia a parlare di sottovarianti.

News
Articolo di , 24 Giu 2021

Le ultime settimane vedono la variante Delta del covid-19 come protagonista assoluta. In un quadro di evidente miglioramento, la diffusione di una variante particolarmente contagiosa preoccupa e mette in allerta. Secondo gli esperti dell’Ecdc, il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, “entro la fine di agosto rappresenterà il 90% dei virus in circolazione nell’Unione Europea”. Un dato che può mettere in crisi la ripartenza, con focolai da Nord a Sud dello stivale.

In Campania, diversi focolai sono scoppiati nel vesuviano, tutti riconducibili alla mutazione del virus. L’Ospedale Cotugno di Napoli, infatti, sottolinea come il ricovero di 50enni non vaccinati giustifichi la preoccupazione da variante Delta. Dopo la variante Delta del covid, inoltre, si parla già di sottovariante, detta Delta ‘Plus’. L’India ha classificato la nuova variante del coronavirus, identificata per la prima volta in Europa, come variante di preoccupazione (Voc). Ma il giudizio sul mutante non è univoco. Diversi scienziati frenano: troppo presto per dire se questa variante rappresenta una minaccia significativa.

La prudenza, per quanto riguarda il covid, non è mai troppa. Con il permesso di non indossare mascherine all’aperto e l’Italia in zona bianca, bisogna necessariamente raggiungere la percentuale di popolazione ancora non vaccinata.

Rodolfo Punzi, direttore del dipartimento malattie infettive del Cotugno, al Corriere del Mezzogiorno ha spiegato: “Permangono due elementi di preoccupazione: la caotica comunicazione delle ultime settimane sui vaccini a vettore virale che ha rallentato e scoraggiato le somministrazioni, tanto che registriamo ancora ricoveri al Cotugno di anziani over 80 e di cinquantenni non vaccinati, e l’insidiosa diffusività della cosiddetta variante Delta, più contagiosa del 60 per cento rispetto a quella inglese che, a sua volta, era già più insidiosa“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti consigliamo anche

Links utili

Visitare Napoli in 3 giorni

Tre giorni a Napoli consentono di visitarne i monumenti principali e di assaporare una...

Visitare Napoli in 2 giorni

In due giorni a Napoli si ha il tempo sufficiente per visitare i monumenti...

Visite guidate a Napoli

Napoli è una città ricca di storia e arte che offre tanti di siti...

Locali a Napoli

Sono tanti i locali a Napoli dove poter trascorrere le serate e divertirsi tra...

Mercatini a Napoli

Sono tanti mercatini a Napoli dove fare shopping e trovare capi a basso prezzo!...

Dove dormire a Napoli

Da qualche anno a questa parte l’offerta turistica per il pernottamento a Napoli si...

Dove mangiare a Napoli

Napoli è una città che offre una molteplicità di soluzioni diverse per mangiare, per...

Cosa fare a Napoli

Napoli è la città del mare, del Vesuvio, e della pizza, e c’è tanto...

Napoli di notte

Napoli è ricca di luoghi in cui poter trascorrere le serate dal centro storico,...

Cosa vedere a Napoli

Napoli città d’arte. La città offre una molteplicità di siti monumentali, aree verdi, scorci...