Vampirismo Napoletano

Grande Napoli

Demoni e vampiri, folli e maghi hanno segnatola cultura della Campania e di Napoli per secoli: intellettuali e popolani li hanno temuti ed evocati, accettati e negati. Strano a dorsi, il 700, secolo dei Lumi, è stato uno dei momenti più propizi per la loro diffusione nella mentalità  collettiva.

In tale tradizione culturale si situa l’attività  di Costantino Grimaldi (1667-1750), avvocato napoletano, studioso dei fenomeni del Mistero. Ne è esempio la su Dissertazione sopra le tre magie (1751), che è una summa di tutta la letteratura del Mistero, espressa in ben 169 citazioni in latino. Oltre ai voli delle streghe, alla jettatura e alle apparizioni, si parla anche di resurrezione e di vampirismo. Sono vampiri, scrive Grimaldi, gli uomini morti i quali appaiono a lor congiunti: discorrono con essi delle cose familiari e talvolta ne succhiano il sangue. Ebbene, se leggiamo Psicoanalisi dell’incubo di Ernest Jones (1931), ci imbattiamo nella tesi secondo cui la paura del Vampiro nasce nell’inconscio di chi ha nutrito “desideri di morte” contro il proprio genitore, da lui considerato, quando era ancora vivo, come un “nemico”. Siamo così arrivati vicino alla verità ? Non lo sappiamo. Perchè questo è naturalmente un Mistero.

Un altro rapporto tra Napoli e il vampiro è rappresentato dalle argomentazioni di un cult book del filone vampiristico. Si tratta di Varney il Vampiro, romanzo presentato a fascicoli in modo anonimo a partire dal 1847 per un totale di 220 puntate e assegnato a Thomas Preskett Prest. àˆ l’avventura di un nobiluomo inglese contagiato dal vampirismo, che diffonde l’epidemia a Napoli, città  che sceglie per far cessare la sua vita; e il luogo che gli sembra favorevole per uccidersi è il magico Vesuvio, nel cui cratere si lancia per porre fine ai suoi giorni.

Un ultimo misterioso legame con i vampiri può essere ricercato nell’inconsueto racconto Il Dottor Nero (1907) di Daniele Oberto Marrana, scrittore napoletano vissuto tra l’Ottocento e il Novecento, autore di un buon numero di validi racconti fantastici, sconosciuto al di fuori di una ristretta cerchia di specialisti, in omaggio alla convinzione accademica che il fantastico moderno (quello di Poe e del Dottor Jekill e Mister Hyde, per intenderci) sia sostanzialmente estraneo alla tradizione letteraria italiana. Il dottor Nero è la storia di un matrimonio tra un nobile irlandese e una ragazza italiana; tra i due si insinua un vampiro, che ha già  posseduto la fanciulla, e che arriva a reclamarla di nuovo. àˆ un racconto pervaso da una sensualità  sottile e decadente, sospeso a metà  strada tra le suggestioni di una Capri solare, pienamente mediterranea, e quelle della bruma che aleggia attorno ai manieri irlandesi.

Fonte della notizia comune.napoli.it



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu