Un’antica ricetta del Torrone alla napoletana

Una vera delizia per gli amanti del genere

Cucina
Articolo di , 30 Apr 2021

Il torrone è uno dei dolci preferiti da tutti e, soprattutto durante i mesi invernali, accompagna con stile e carattere le nostre tavolate.

Proprio grazie alla sua dolcezza, infatti, unisce i gusti di tutti.

Negli anni molte sono le rivisitazioni che hanno reso noto questo dolce anche se i gusti classici e caratteristici del torrone sono sempre quelli che vanno per la maggiore.

Sicuramente questa non è una ricetta facile da preparare sia perché è ripresa da un’antica tradizione sia perché presuppone che voi lo prepariate per molte persone e in grandi quantità. Ci vuole, perciò, molto impegno e dedizione, ma vi assicuro che cucinerete un torrone buonissimo, artigianale e irresistibile!

 

Ingredienti

  • 3 kg di miele
  • 20 chiare d’uova
  • 3 kg di mandorle dolci
  • 100 gr. di pistacchi
  • cannella, scorzetta di arancia e canditi quanto basta
  • ½ bicchierino di essenza di anice
  • confetti cannellini
  • ostie

Preparazione

 

Mettete su di un fornello una caldaia di rame dal fondo pesante, in mezzo alla quale pende una lunga e robusta mestola di legna con l’estremità superiore legata ad un anello di ferro fissato in alto.

Versate quindi nella caldaia il miele e chiarificatelo a fuoco molto lento.

Montate a neve l’albume d’uovo e inserite all’interno del miele insieme ad un goccio d’acqua.

Continuate a mescolare il miele amalgamando bene il tutto continuamente e facendo attenzione a girare sempre nello stesso verso. Per quest’operazione ci vorrà molto tempo di cottura.

Vi accorgerete che avrà raggiunto il grado giusto di cottura quando mettendone un poco sulla punta di un bastoncino si solidificherà quasi all’istante.

Aggiungete a questo punto le mandorle asciugate e fatte asciugare in forno, inserite allora i pistacchi rimescolando sempre.

Infine, aggiungete al composto l’essenza di anice, la cannella e, se gradite, i canditi e i confetti.

Versate quest’impasto di circa 5 cm e mezzo di altezza sopra ad uno strato di ostie che avrete precedentemente predisposto su un tavolo. Coprite il torrone con altre ostie e quando si sarà solidificato tagliatelo a seconda delle dimensioni che preferite.

 

Anche se il tempo per prepararlo sarà infinito, vi assicuro che una simile fatica rende ancora più dolce questa delizia di gola , già di per se tanto dolce!

Foto: Giallozafferano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti consigliamo anche

Links utili

Visitare Napoli in 3 giorni

Tre giorni a Napoli consentono di visitarne i monumenti principali e di assaporare una...

Visitare Napoli in 2 giorni

In due giorni a Napoli si ha il tempo sufficiente per visitare i monumenti...

Visite guidate a Napoli

Napoli è una città ricca di storia e arte che offre tanti di siti...

Locali a Napoli

Sono tanti i locali a Napoli dove poter trascorrere le serate e divertirsi tra...

Mercatini a Napoli

Sono tanti mercatini a Napoli dove fare shopping e trovare capi a basso prezzo!...

Dove dormire a Napoli

Da qualche anno a questa parte l’offerta turistica per il pernottamento a Napoli si...

Dove mangiare a Napoli

Napoli è una città che offre una molteplicità di soluzioni diverse per mangiare, per...

Cosa fare a Napoli

Napoli è la città del mare, del Vesuvio, e della pizza, e c’è tanto...

Napoli di notte

Napoli è ricca di luoghi in cui poter trascorrere le serate dal centro storico,...

Cosa vedere a Napoli

Napoli città d’arte. La città offre una molteplicità di siti monumentali, aree verdi, scorci...