Una nuova forchetta a quattro punte per sua maestà il Re di Napoli

Valentina Cosentino

La forchetta moderna, che oggi usiamo sulle nostre tavole, è nata a Napoli alla corte di Ferdinando. Ecco la sua curiosa storia.

La forchetta è un oggetto per noi oggi di uso comune, proprio non sapremmo farne a meno a tavola. Eppure fino a non troppo tempo fa, sopratutto sulle tavole nobili, il suo uso veniva visto perfino come una stravaganza.

La forchetta, come oggetto per infilzare cibi, è nota da tempi antichissimi forse introdotta in occidente dai bizantini. Ma si trattava di un oggetto molto diverso da quello attuale. Infatti aveva due o tre punte (il termine corretto sarebbe rebbi).

Le nostre forchette, per capirci quelle che usiamo tutti i giorni a casa, hanno invece quattro punte e furono inventate, udite udite, a Napoli! O meglio furono introdotte alla corte di Ferdinando IV di Borbone, nel 1770 ad opera di Gennaro Spadaccini ciambellano di corte.

La storia narra che l’ingegnoso Spadaccini trovò la soluzione ad un problema di non poco conto. Il tutto è legato al consumo di pasta ed in particolare di spaghetti. Gli spaghetti, il cui consumo iniziava a diffondersi in maniera cospicua proprio nel settecento, rendeva problematico il servirli  a tavola nei pranzi ufficiali, perché piuttosto complicati da mangiare con le mani e decisamente sconvenienti anche per una tavola abituata a servirsi con le mani. Ferdinando di Borbone, desiderando non privarsi di questo gustoso piatto, ordinò che venisse trovata la soluzione. E fu così che l’ingegnere di corte studiò e ristudiò la vicenda modellando e rendendo più funzionale la vecchia forchetta lunga e a tre punte, più simile ad una arma che ad una posata, adatta per prendere la carne, ad esempio, ma decisamente scomoda per gli spaghetti.

La soluzione fu di aggiungere una punta, accorciarne i rebbi e renderla anche meno appuntita.

Ed ecco quindi che a pieno titolo possiamo dire oggi che la forchetta che tutti oggi usiamo sulle nostre tavole è decisamente nata a Napoli!



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu