Un altro tesoro nascosto dei Borbone emerge dal porto di Napoli

Fabio Avallone
Un altro tesoro nascosto dei Borbone emerge dal porto di Napoli
Vota questo articolo

Il reperto è stato scoperto dopo più di 200 anni

Dai fondali del Porto di Napoli è riemersa, dopo più di duecento anni, una delle navi della flotta dei Borbone. La scoperta ha subito messo in allerta storici ed archeologici e sembrerebbe che il relitto ritrovato sia una corvetta di nome “Flora”, una delle tante navi che i Borbone ordinarono di distruggere mentre andavano via da Napoli.

R

L’ordine di distruzione della flotta che non era possibile armare fu dato all’ammiraglio Nelson proprio il 23 dicembre del 1798. Naturalmente affondare la folta flotta richiese tempo e “Flora”, se davvero di questa corvetta si tratta”, fu distrutta qualche mese dopo, nel 1799. Accanto al relitto sono stati ritrovati numerosi reperti, tra i quali spicca una campana, che sono stati immediatamente portati al Museo Archeologico. Poi bisognerà decidere cosa fare con il relitto, lungo circa 30 metri: non è chiaro se sarà possibile riportarlo in superficie oppure se Flora continuerà a rimanere là, dove riposa da più di 200 anni, a 15 metri di profondità nelle acque del porto di Napoli.

 



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu