Ucraina, a Napoli una Cabina di Regia per coordinare l’accoglienza dei migranti

Le misure adottate a Napoli per accogliere le famiglie provenienti dalla martoriata Ucraina

News
Articolo di , 03 Mar 2022
1451

La drammatica guerra in Ucraina ha provocato una grave crisi umanitaria, con migliaia di persone costrette ad abbandonare velocemente, le proprie case, la propria terra natia sotto l’incalzare dell’esercito invasore russo. Pertanto il nostro Paese, così come le altre nazioni dell’area Ue, ha adottato le necessarie misure per accogliere le famiglie provenienti dalla martoriata Ucraina.

Una cabina di regia per coordinare l’accoglienza

Per far fronte all’emergenza, nella città di Napoli, presso il Palazzo del Governo, si è insediata la Cabina di regia che coordinerà l’arrivo e la sistemazione nel nostro territorio di queste persone in fuga dalla guerra. La Cabina, coordinata dalla Prefettura di Napoli, è composta dai rappresentanti del Comune di Napoli, del Consolato Ucraino di Napoli, dai vertici delle forze armate e dell’ordine e dai Vigili del Fuoco.

Onu: sono quasi 836.000 i profughi fuggiti dalla guerra in Ucraina

Presenti anche i vertici delle Asl 1 Napoli Centro, 2 Nord e 3 Sud, oltre ai rappresentanti delle diocesi di Napoli e Pozzuoli. Compito della Cabina è quello di coordinare l’accoglienza dei rifugiati e di gestire eventuali emergenze e criticità. Per favorire l’accoglienza, il Consolato ucraino ha creato un link acciocché i cittadini ucraini, in arrivo nel territorio metropolitano di Napoli, possano inserire i propri dati, il luogo in cui verranno ospitati e, all’occorrenza, la richiesta di un alloggio.

La rappresentanza diplomatica ucraina si occuperà anche di rilasciare il certificato consolare per i cittadini ucraini privi dei documenti. Coinvolto nella macchina dell’accoglienza anche il Residence dell’Ospedale del Mare dove, grazie all’Asl Napoli 1, è possibile sottoporre i migranti ai dovuti controlli sanitari dopo il lungo ed estenuante viaggio. La struttura può rilasciare anche il Codice STP (Straniero Temporaneamente Presente) che dà diritto all’assistenza sanitaria.

Inoltre, è stata attivata, nelle vicinanze del Consolato ucraino, una unità mobile dove svolgere screening sanitari e rilasciare codici STP. Le misure adottate sono solo le prime di una lunga serie che verranno poste in essere laddove il conflitto dovesse protrarsi.

Tuttavia la città di Napoli saprà degnamente accogliere il popolo ucraino, offrendo il proprio sostengo materiale e umano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti consigliamo anche

Vivere Napoli

Visitare Napoli in 3 giorni

Come visitare Napoli in 3 giorni? Tutto quello che c'è da fare e vedere...

Visitare Napoli in 2 giorni

In due giorni a Napoli si ha il tempo sufficiente per visitare i monumenti...

Visite guidate a Napoli

Napoli è una città ricca di storia e arte che offre tanti di siti...

Locali a Napoli

Sono tanti i locali a Napoli dove poter trascorrere le serate e divertirsi, tra...

Mercatini a Napoli

Sono tanti mercatini a Napoli dove fare shopping e trovare capi a basso prezzo!...

Dove dormire a Napoli

Da qualche anno a questa parte l’offerta turistica per il pernottamento a Napoli si...

Dove mangiare a Napoli

Napoli è una città che offre una molteplicità di soluzioni diverse per mangiare, per...

Cosa fare a Napoli

Napoli è la città del mare, del Vesuvio, e della pizza, e c’è tanto...

Napoli di notte

Napoli è ricca di luoghi in cui poter trascorrere le serate dal centro storico,...

Cosa vedere a Napoli

Napoli città d’arte. La città offre una molteplicità di siti monumentali, aree verdi, scorci...