Tutto pronto a Napoli per “I Bastardi di Pizzofalcone 2”

Grande Napoli
Tutto pronto a Napoli per “I Bastardi di Pizzofalcone 2”
Vota questo articolo

Stanno arrivando. Ecco tutte le novità

La fiction girata a Napoli ha ammaliato più di  sei milioni di spettatori a puntata nella messa in onda della prima stagione. La Rai ha quindi deciso di non lasciarsi sfuggire la squadra guidata dall’ispettore Lojacono, interpretato da Alessandro Gassmann. I Bastardi 2 è già in lavorazione con i nuovi episodi, che vedremo con molta probabilità nella primavera 2018.

Tutto pronto per i Bastardi 2, ieri è stato siglato un accordo di collaborazione tra il Comune di Napoli e Clemart, società di produzione della serie che a breve inizierà le riprese della seconda stagione per Rai Uno. Come riportato da Il Mattino, la Convenzione prevede sia l’individuazione di semplificazioni nel rilascio delle autorizzazioni per le riprese, che lo lo sviluppo di attività di promozione del territorio e di sostegno alla formazione dei giovani napoletani interessati alle professioni del cinema e della televisione, attività che saranno organizzate dall’Assessorato alla Cultura e dall’Ufficio Cinema del Comune di Napoli in collaborazione con Clemart.

«La convenzione – afferma l’assessore comunale alla Cultura, Nino Daniele – rappresenta un ulteriore passo avanti nel percorso di promozione dell’immagine della città intrapreso da quest’Amministrazione e nel quale l’Ufficio Cinema svolge un ruolo strategico». In 3 anni, sono state oltre 350 le produzioni ospitate in città, con un trend di richieste in continua crescita. «Il boom di richieste ci inorgoglisce – aggiunge Daniele – ma soprattutto ci impone la ricerca di strumenti, procedure e strategie per governare questo fenomeno senza dubbio positivo per lo sviluppo culturale, economico ed occupazionale della città. L’Ufficio Cinema opera in quest’ottica: semplificare il rapporto con le produzioni per rendere la nostra città sempre più attraente ed allo stesso tempo gestirne la presenza, perchè rappresentino una risorsa per il territorio e favoriscano lo sviluppo del comparto locale».



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu