Tragedia alla Solfatara: scatta il sequestro di tutta l’area, è pericolosa!

Grande Napoli
Tragedia alla Solfatara: scatta il sequestro di tutta l’area, è pericolosa!
Vota questo articolo

Dopo la tragedia in cui persero la vita Massimiliano Carrer di 45 anni, la moglie Tiziana Zaramella, 42 anni, che cercarono disperatamente di soccorrere il figlio di sette anni caduto in una voragine., l’intera area della Solfatara di Pozzuoli (Napoli) è stata sequestrata oggi in base ad una ordinanza del gip emessa su richiesta del pool di magistrati, coordinati dal procuratore aggiunto Giuseppe Lucantonio, che indagano sulla morte di tre turisti avvenuta in un incidente il 12 settembre scorso. Si tratta di un provvedimento di sequestro preventivo motivato, secondo quanto si è appreso, con la carenza delle misure di protezione e di prevenzione di incidenti nell’area, a tutela sia dei lavoratori sia dei visitatori.
 

Nell’area, che appartiene ad un’impresa privata, sono state sequestrate anche le zone dove si trova un campeggio ed un punto di ristoro. Subito dopo l’incidente, su disposizione della Procura di Napoli, venne sequestrata solo l’area dove avvenne l’incidente che provocò la morte di una coppia di turisti e di uno dei dei loro figli.

Per le tre morti risulta indagato l’amministratore unico della società che gestisce la Solfatara: difeso dal penalista Bruno Von Arx, l’amministratore unico avrà modo di dimostrare la correttezza della propria gestione, mentre i proprietari della struttura hanno dimostrato piena disponibilità a fornire ogni contributo richiesto dall’autorità giudiziaria.

 

Tragedia alla Solfatara, frana uccide tre persone



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu