Torta di Padre Pio: storia e ricetta del dolce/catena della tradizione

Cucina
Articolo di , 09 Apr 2021
7192

 

Una ricetta tramandata nel tempo. Una tradizione amata e rispettata. È quella del dolce di Padre Pio, un dessert semplice e casareccio, dal procedimento peculiare e lungo giorni, ma semplice e dal grande significato. Parrebbe che porti fortuna e in più che, durante la preparazione, sia possibile chiedere voti al presbitero di Pietrelcina. E il momento così unico della preparazione è altrettanto coinvolgente, poiché è previsto che parte dell’impasto venga donato a tre persone care, per permettere a queste ultime di realizzare, a loro volta, la prelibatezza dalla ragguardevole importanza.
Si narra che questo fosse il dolce preferito dal grande fedele, per cui è abitudine prepararlo, unendo cucina, tradizione e fede.

Freddo su Napoli, ma sta per tornare la primavera

 

Ricetta

La ricetta originale prevede il certosino rispetto di regole e di passaggi chiari e semplici. Il procedimento dura ben dieci giorni consecutivi, il primo dei quali deve essere una domenica. Il numero considerevole di giorni non è dovuto a un altrettanto considerevole sforzo nel prepararla, ma semplicemente a un’attenzione continuata e a una dedizione nei confronti di Padre Pio, al quale, mediante questa devozione per l’appunto, è possibile chiedere un aiuto.
Tra le regole da seguire, quella di non utilizzare attrezzi meccanici durante la preparazione, prediligendo soltanto contenitori in vetro, in ceramica o in legno. Un’altra è quella di non toccare mai l’impasto con le mani. Ancora vi è quella di non mettere mai l’impasto in frigo. E infine quella che prevede una sola persona alla realizzazione della torta, senza ulteriori interventi.

 

Ingredienti

  • 4 bicchieri di farina
  • 3 bicchieri di zucchero
  • 1 bicchiere di latte
  • 1 bicchiere di olio di semi
  • 1 noce
  • 2 pizzichi di cannella
  • 150 gr di cioccolato tritato o uvetta
  • 1 mela
  • 2 uova
  • 2 bustine di vanillina
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • 1 pizzico di sale
  • zucchero al velo per decorare

Procedimento

 

Primo giorno:

Arrivata la domenica, la prima cosa da fare è prendere una ciotola in ceramica, in vetro o in legno. E al suo interno va versato un bicchiere di farina e uno di zucchero, senza mescolare. Si copre semplicemente il tutto con un canovaccio e lo si lascia a temperatura ambiente.

 

Secondo giorno:

È il momento di mescolare le polveri con l’ausilio di un cucchiaio di legno. Si copre di nuovo il tutto e lo si tiene sempre a temperatura ambiente.

 

Terzo e quarto giorno:

Il martedì e il mercoledì tutto va lasciato così com’è, senza compiere alcuno step.

 

Quinto giorno:

A questo punto si aggiunge un altro bicchiere di farina, un altro di zucchero e uno di acqua, sempre senza mescolare. Si ricopre perciò nuovamente con un canovaccio, tenendo la ciotola fuori dal frigo, a temperatura ambiente.

 

Sesto giorno:

Si mescola il composto col cucchiaio di legno e lo si rimette da parte.

 

Settimo, ottavo e nono giorno:

Sabato, domenica e lunedì non si compie alcuna operazione, lasciando riposare l’impasto senza toccarlo.

 

Decimo giorno:

Arrivati all’ultimo giorno si mescola con un cucchiaio di legno. Si prelevano poi tre bicchieri di impasto da donare. È il momento perciò di unire il resto degli ingredienti: i due bicchieri di farina, il bicchiere di zucchero. l’olio, la noce, la cannella, il cioccolato (o l’uvetta, al suo posto), la mela, le uova, la vanillina, il lievito e il sale. Si versa quindi il tutto in una teglia, dal diametro di 24 centimetri, rivestita di carta forno. E si inforna a 180° per 40 minuti, esprimendo tre desideri. Una volta raffreddata, si può assaggiare e se ne possono tagliare delle fette da donare ai propri cari, magari proprio assieme al bicchiere con l’impasto in potenza.

 

 

Whatsapp Canale Whatsapp Canale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti consigliamo anche

Vivere Napoli

Visitare Napoli in 3 giorni

Come visitare Napoli in 3 giorni? Tutto quello che c'è da fare e vedere...

Visitare Napoli in 2 giorni

In due giorni a Napoli si ha il tempo sufficiente per visitare i monumenti...

Visite guidate a Napoli

Napoli è una città ricca di storia e arte che offre tanti di siti...

Locali a Napoli

Sono tanti i locali a Napoli dove poter trascorrere le serate e divertirsi, tra...

Mercatini a Napoli

Sono tanti mercatini a Napoli dove fare shopping e trovare capi a basso prezzo!...

Dove dormire a Napoli

Da qualche anno a questa parte l’offerta turistica per il pernottamento a Napoli si...

Dove mangiare a Napoli

Napoli è una città che offre una molteplicità di soluzioni diverse per mangiare, per...

Cosa fare a Napoli

Napoli è la città del mare, del Vesuvio, e della pizza, e c’è tanto...

Napoli di notte

Napoli è ricca di luoghi in cui poter trascorrere le serate dal centro storico,...

Cosa vedere a Napoli

Napoli città d’arte. La città offre una molteplicità di siti monumentali, aree verdi, scorci...