Terremoto Napoli, con la scossa non c’entrano i Campi Flegrei: epicentro nel vesuviano

Napoli, una forte scossa di terremoto nella serata di lunedì 11 marzo ha fatto tremare la popolazione: questa volta non c'entra il bradisismo dei Campi Flegrei.

News
Articolo di , 12 Mar 2024
382

Ore 19:08 di lunedì 11 marzo, una scossa di terremoto – della durata di 20 secondi circa – ha fatto tremare mezza Napoli. Questa volta, tuttavia, il fenomeno non può essere collegato al bradisismo che caratterizza i Campi Flegrei, ma è emerso dalla direzione opposta della città.

Sebbene le prime impressioni suggerissero che l’epicentro fosse situato nel cuore del Vesuvio, le misurazioni successive lo hanno invece individuato nelle vicinanze, per la precisione nel territorio di Pollena Trocchia. La durata significativa del sisma, che è stato intenso per 20 secondi circa per poi attenuarsi gradualmente nel corso di altri 40 secondi, ha spaventato non poco la popolazione partenopea.

Napoli, nuova pista ciclabile al Corso Umberto: le tempistiche previste

Terremoto Napoli, epicentro nel vesuviano

La scossa, di magnitudo 3.0, è avvenuta a 3 km di profondità ed è stata distintamente avvertita in mezza Napoli, dai paesi vesuviani al centro storico. Nessun danno a persone o cose segnalato, solo tanta paura tra la gente e preoccupazione per la sopracitata correlazione con il Vesuvio. Anche perché, dall’inizio del mese di marzo, i dati raccolti dall’Osservatorio Vesuviano hanno evidenziato numerose lievi scosse, anche se tutte di magnitudo inferiore rispetto a quella avvenuta ieri sera e comunque a non superiori a magnitudo 1,5.

In un’intervista rilasciata a Il Mattino, il direttore dell’Osservatorio Vesuviano, Mauro Di Vito, ha rassicurato la popolazione: “L’evento rientra nella dinamica tra il Vesuvio e la faglia regionale che più o meno passa all’altezza del Sebeto. Una faglia di andamento appenninico che passa nella valle del Sebeto. In passato in questa zona ci sono stati degli eventi tellurici, magari più piccoli di magnitudo, anche se ripeto sono molto rari. Nelle ultime settimane non c’è stata nessuna variazione nei dati che acquisiamo quotidianamente nella zona del Vesuvio. Nei prossimi giorni effettueremo dei controlli ancora più approfonditi per quanto concerne la dinamica in sé del terremoto verificatosi“.

Intanto, la prossima settimana si commemorerà l’ottantesimo anniversario dell’ultima eruzione del Vesuvio, con eventi programmati per celebrare l’occasione.

 

Whatsapp Canale Whatsapp Canale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti consigliamo anche

Vivere Napoli

Visitare Napoli in 3 giorni

Come visitare Napoli in 3 giorni? Tutto quello che c'è da fare e vedere...

Visitare Napoli in 2 giorni

In due giorni a Napoli si ha il tempo sufficiente per visitare i monumenti...

Visite guidate a Napoli

Napoli è una città ricca di storia e arte che offre tanti di siti...

Locali a Napoli

Sono tanti i locali a Napoli dove poter trascorrere le serate e divertirsi, tra...

Mercatini a Napoli

Sono tanti mercatini a Napoli dove fare shopping e trovare capi a basso prezzo!...

Dove dormire a Napoli

Da qualche anno a questa parte l’offerta turistica per il pernottamento a Napoli si...

Dove mangiare a Napoli

Napoli è una città che offre una molteplicità di soluzioni diverse per mangiare, per...

Cosa fare a Napoli

Napoli è la città del mare, del Vesuvio, e della pizza, e c’è tanto...

Napoli di notte

Napoli è ricca di luoghi in cui poter trascorrere le serate dal centro storico,...

Cosa vedere a Napoli

Napoli città d’arte. La città offre una molteplicità di siti monumentali, aree verdi, scorci...