Terremoto Ischia: ci sono feriti e dispersi, si temono morti sotto le macerie

Grande Napoli
Terremoto Ischia: ci sono feriti e dispersi, si temono morti sotto le macerie
Vota questo articolo

A Casamicciola (Ischia) in piazza Maio una palazzina abitata è crollata per gli effetti della scossa di terremoto. La chiesa del Purgatorio è andata distrutta, numerosi alberghi sono isolati. Ci sarebbero diversi feriti e alcuni dispersi. Stanno operando carabinieri, polizia e vigili del Fuoco, oltre che unità di soccorso medico. Si temono morti sotto le macerie, ma a due ore dall’evento sismico è ancora presto per affermarlo con certezza. Ad aggravare la situazione il sovraffollamento ad agosto, rende difficile anche l’arrivo dei soccorsi.

E’ stato evacuato l’ospedale Rizzoli a seguito della scossa di terremoto 3.6 di stasera. A quanto si apprende dai carabinieri di Ischia, in base ai primi accertamenti, ci sarebbero danni e anche dei feriti, in particolare a Casamicciola, ma anche in altre zone dell’isola del napoletano.  È scattato il piano di emergenza sanitario per i soccorsi alla popolazione di Ischia: già disposta unità di crisi del Cardarelli per eventuali necessità di trasporto in eliambulanza.

Da fonti della Regione si apprende che le squadre dei pompieri impegnate sul fronte degli incendi sono state dirottate in alcune aree dell’isola per accertare eventuali danni a persone o cose.  La gente dalle case si è riversata in strada per la paura. E gente è uscita anche dagli hotel, come in un albergo di San Francesco a Forio, dove gli ospiti sono stati fatti scendere in cortile e dove si è registrata qualche lesione all’immobile. Sempre a Forio è stato registrato un black-out di alcuni minuti in concomitanza con la scossa, che testimoni dicono di avere avvertito “forte”. “Abbiamo sentito la scossa fortissima. Tutta la famiglia è scesa in strada. Sappiamo di crolli anche a Serrara Fontana”, è la testimonianza di una villeggiante della zona che soggiorna in una casa vicino al cimitero di Casamicciola.

 

Fonte Rai News



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu