“Sto ‘cca”, il capolavoro di Eduardo dedicato alla moglie

Arte e Cultura
Articolo di , 07 Gen 2021

Eduardo è Napoli. O meglio, l’arte di Napoli.

 

Maestro di teatro, luminoso punto di riferimento per l’evoluzione linguistica, la rappresentazione sfaccettata e poliedrica dell’essere umano e del suo sentire e percepire.

 

Eduardo è stato anche autore di poesie.

Di quelle che lasciano il segno per profondità, realismo e sincerità prospettica con cui ha affrontato i temi che via via sviluppava in versi.

 

Tra i suoi componimenti poetici, emerge una lirica dedicata alla moglie, Isabella Quarantotti.

 

Era l’anno 1963, e l’autore si rivolge alla compagna per narrargli di ciò che sarà oltre la vita terrena, e del sentimento che li lega: “Sai, quando non ci sarò più, guarda bene, perché, in tanti segni, io mi paleserò e tu mi troverai”.

 

Un componimento sulla fragilità della vita, e sul dolore della perdita di una persona cara.

 

Per questo noi di Grandenapoli abbiamo reputato opportuno sottoporvi il testo integrale di questo componimento, prima in napoletano, lingua originale in cui è stata composto. E poi nella sua traduzione in lingua Italiana.

“Sto ccà”

(versione originale in Napoletano)

 

Sto ccà, Isabè, sto ccà…
Ch’è, nun me vide?
Già, nun me può vedé…
ma stongo ccà.
Sto mmiez’ ’e libre,
mmiez’ ’e ccarte antiche,
pe’ dint’ ’e tteratore d’ ’o cummò.
Me truove quann’ ’o sole tras’ ’e squinge
se mpizz’ ’e taglio
e appiccia sti ccurnice
ndurate
argiento
grosse e piccerelle
’e lignammo priggiato –
acero
noce
palissandro
mogano –
pareno fenestielle e fenestelle
aperte ncopp’ ’o munno…
Me truove quann’ ’o sole se fa russo
primmo ca se ne scenne aret’ ’e pprete
ndurann’ ’e rame ’e ll’albere
e se mpizza
pe’ mmiez’ ’e fronne,
pe se fa guardà.
Si no, me può truvà, scurato notte,
rint’ a cucina
p’arrangià caccosa:
na puntella ’e furmaggio,
na nzalata…
chellu ppoco
ca te supponta ’o stommeco
e te cucche.
Primmo d’ ’a luce ’e ll’alba
po’
me trouve a ttavulino,
c’ ’a penna mmiez’ ’ ddete
e ll’uocchie ncielo
pensanno a chello ca t’aggio cuntato
e ca nun aggio scritto
e ca
va trova
si nun è stato buono
ca se songo perduto sti penziere
distratte
e stanche d’essere penzate
che corrono pe’ ll’aria nzieme a me.
E si guarde pe’ ll’aria
po’ succedere
ca si ce stanno ’e nnuvole
me truove.
’O viento straccia ’e nnuvole
e comme vene vene,
e può truva ciert’uoccie
ca te guardeno
sott’ ’a na fronta larga larga
e luonga
e ddoje fosse scavate…
’e può truvà.

 

“Sto ccà”

(“Sto qua”, versione tradotta in Italiano)

 

Sto, qua, Isabella, sto qua.
Che c’è? Non mi vedi?
Già, non puoi vedermi,
ma sto qua, sono in mezzo ai libri,
tra le carte antiche,
dentro ai cassetti del comò.
Mi trovi quando il sole entra di sguincio,
s’intrufola di taglio
e fa brillare queste cornici dorate
d’argento
grandi e piccoline
di legno pregiato
acero noce palissandro mogano
sembrano finestrini e finestrelle
aperte sul mondo…
Mi trovi quando il sole si fa rosso
prima che tramonti
dipingendo d’oro i rami degli alberi
e s’infila tra le foglie
per farsi guardare.
Altrimenti mi potrai trovare
quando è notte
in cucina, per cercare qualcosa da mangiare
un pezzetto di formaggio, un’insalata,
quel poco che ti sostiene lo stomaco
e poi te ne vai a letto.
Prima della luce dell’alba poi
mi trovi alla scrivania,
con la penna tra le dita
e gli occhi al cielo,
pensando a ciò che ti ho raccontato
e non ho scritto
e chissà se non sia stato un bene
che questi pensieri si siano persi,
distratti, e stanchi di essere pensati,
che volteggiano nell’aria insieme a me.
E se guardi lassù
può succedere
che se ci sono le nuvole
mi trovi.
Il vento straccia le nuvole
e, così, come viene viene,
puoi trovare certi occhi che ti guardano.
Sotto una fronte larga larga
e lunga
e due solchi lungo il viso…
sì, li puoi trovare.

 

2 risposte a ““Sto ‘cca”, il capolavoro di Eduardo dedicato alla moglie”

  1. Vincenzo Bello ha detto:

    Molto bella e purtroppo reale.

  2. Rosalba ha detto:

    L ‘ amore nei momenti piu’ impensati !. L’amore che fa poesia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti consigliamo anche

Links utili

Visitare Napoli in 3 giorni

Tre giorni a Napoli consentono di visitarne i monumenti principali e di assaporare una...

Visitare Napoli in 2 giorni

In due giorni a Napoli si ha il tempo sufficiente per visitare i monumenti...

Visite guidate a Napoli

Napoli è una città ricca di storia e arte che offre tanti di siti...

Locali a Napoli

Sono tanti i locali a Napoli dove poter trascorrere le serate e divertirsi tra...

Mercatini a Napoli

Sono tanti mercatini a Napoli dove fare shopping e trovare capi a basso prezzo!...

Dove dormire a Napoli

Da qualche anno a questa parte l’offerta turistica per il pernottamento a Napoli si...

Dove mangiare a Napoli

Napoli è una città che offre una molteplicità di soluzioni diverse per mangiare, per...

Cosa fare a Napoli

Napoli è la città del mare, del Vesuvio, e della pizza, e c’è tanto...

Napoli di notte

Napoli è ricca di luoghi in cui poter trascorrere le serate dal centro storico,...

Cosa vedere a Napoli

Napoli città d’arte. La città offre una molteplicità di siti monumentali, aree verdi, scorci...