Spaghetto aglio, olio, peperoncino e banana: la nuova provocazione culinaria

Dopo la pizza con l'ananas, in Campania arriva lo spaghetto aglio, olio, peperoncino e banana.

News
Articolo di , 09 Gen 2024
1350
Foto al cs

Spaghetto aglio, olio, peperoncino e banana. Ecco servita la nuova provocazione culinaria. Questa volta ci pensa lo Chef Stefano Parrella di Caffè Aragonese a Mugnano del Cardinale a lanciare la sfida, arricchendo con un ingrediente improbabile un piatto cult della cucina regionale.

Un ingrediente improbabile per un piatto cult della cucina regionale

La “ricetta innovativa” nasce sulla scia del successo mediatico della pizza all’ananas lanciata da Gino Sorbillo. “L’idea è saltata fuori durante una riunione a cena con i compagni di merenda del Festival della Cucina Italiana in America del quale stiamo programmando l’edizione 2024“. Spiega il diretto interessato che aggiunge: “Con Sergio Sbarra, Vincenzo Peretti, Roberto Esse, Lucia Di Mauro e Ferdinando Polverino de Laureto commentavamo il successo mediatico di un vecchio must della cucina improbabile come la pizza all’ananas, quando ispirati dalla presenza in cucina di un casco di banane è arrivata questa idea“.

Il Pocho Lavezzi è ricoverato in una clinica per salute mentale: le problematiche dell'ex campione azzurro

L’origine di questo evergreen della cucina è sicuramente campana. Anticamente, era abbondantemente diffusa in tutto il sud Italia dove ingredienti come l’olio e il peperoncino sono molto diffusi e di altissima qualità. Si racconta che questo fosse il piatto che veniva preparato dalle mogli dei contadini che lavoravano negli uliveti, dove reperivano i prodotti necessari. Inizialmente, la pasta che utilizzata erano le linguine o i vermicelli. Nella versione alla borbonica si aggiunge del prezzemolo tritato mentre in quella dei Compagni di Merenda addirittura la banana.

Il dolce della banana va a contrastare la nota piccante del peperoncino. La chips d’aglio e i gherigli di noce aggiungono croccantezza oltre a completare il ventaglio di sapori” spiega Stefano Parrella nel commentare la ricetta.

Abbiamo in mente di organizzare un evento nel quale sarà possibile gustare questa specialità -spiegano i compagni di merenda- magari chiederemo ospitalità proprio a Caffè Aragonese a Mugnano del Cardinale e inviteremo anche l’amico Gino Sorbillo che con la sua provocazione ha aperto la strada ad abbinamenti che in Italia fanno storcere il naso“.

Whatsapp Canale Whatsapp Canale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti consigliamo anche

Vivere Napoli

Visitare Napoli in 3 giorni

Come visitare Napoli in 3 giorni? Tutto quello che c'è da fare e vedere...

Visitare Napoli in 2 giorni

In due giorni a Napoli si ha il tempo sufficiente per visitare i monumenti...

Visite guidate a Napoli

Napoli è una città ricca di storia e arte che offre tanti di siti...

Locali a Napoli

Sono tanti i locali a Napoli dove poter trascorrere le serate e divertirsi, tra...

Mercatini a Napoli

Sono tanti mercatini a Napoli dove fare shopping e trovare capi a basso prezzo!...

Dove dormire a Napoli

Da qualche anno a questa parte l’offerta turistica per il pernottamento a Napoli si...

Dove mangiare a Napoli

Napoli è una città che offre una molteplicità di soluzioni diverse per mangiare, per...

Cosa fare a Napoli

Napoli è la città del mare, del Vesuvio, e della pizza, e c’è tanto...

Napoli di notte

Napoli è ricca di luoghi in cui poter trascorrere le serate dal centro storico,...

Cosa vedere a Napoli

Napoli città d’arte. La città offre una molteplicità di siti monumentali, aree verdi, scorci...