La Sesta Napoletana: un ponte musicale fra tradizione e innovazione

La sesta napoletana, o scala napoletana è molto più di una sequenza di accordi, è un filo conduttore che collega Napoli al mondo musicale.

Arte e Cultura
Articolo di , 05 Feb 2024
393
Fonte Flickr, foto di Roger

Nel tessuto storico della musica poche tradizioni hanno attraversato i secoli influenzando generi e artisti in tutto il mondo come la Sesta Napoletana. Conosciuta anche come “Scala Napoletana”, riscopriamo insieme come questa antica sequenza di accordi, nata nelle strade di Napoli, abbia trovato spazio nella musica moderna, dimostrando la sua versatilità e rilevanza oltre i confini della musica classica, arrivando fino ai Beatles e Bjork.

Le origini della Sesta Napoletana

La sesta Napoletana, con le sue radici nel canto popolare napoletano del XIII secolo, è diventata un elemento distintivo della Scuola Musicale Napoletana del XVIII secolo. Questa tradizione ha alimentato lo sviluppo dell’opera e della canzone classica napoletana, arrivando ad espandersi ben oltre l’Italia.

Collaborazione tra Procura di Napoli e Girolamini per il recupero di opere d'arte rubate

L’elemento chiave di questa tradizione, l’accordo di sesta napoletana, ha introdotto un modo rivoluzionario di generare tensione e risoluzione nelle composizioni, influenzando non solo la musica operistica, ma anche quella sinfonica e da camera. Artisti come Provenzale, Donizetti, Chopin e Beethoven hanno attinto a questo elemento musicale per arricchire alcuni passaggi delle sue opere.

La sesta nella musica moderna

La transizione della scala napoletana dalla musica classica a quella moderna testimonia la sua incredibile adattabilità e la capacità di arricchire diversi contesti musicali. Artisti della musica moderna come Bjork – in bachelorette -, i Beatles, De Andrè o Pino Daniele sono solo alcuni esempi dove viene utilizzata la scala napoletana per aggiungere profondità emotiva e complessità armonica ai loro brani.

L’adozione della scala napoletana da parte di artisti contemporanei ne evidenzia la capacità di trascendere tempo e spazio, collegando il passato al presente e  influenzando il “futuro della creazione”. Questo ponte armonico tra la Napoli del XIII secolo e il mondo moderno dimostra che la musica, nella sua essenza più pura, è un linguaggio universale.

Una tradizione universale

L’uso della Sesta Napoletana non solo celebra la ricchezza della tradizione musicale partenopea, ma sottolinea anche il potere della musica di unire le diverse culture ed epoche.

Da Napoli al resto del mondo, attraverso secoli di evoluzione musicale, questa sequenza di accordi continua ad ispirare artisti e ad arricchire il repertorio musicale globale, dimostrando che alcune tradizioni hanno il potere di diventare veramente universali.

Whatsapp Canale Whatsapp Canale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti consigliamo anche

Vivere Napoli

Visitare Napoli in 3 giorni

Come visitare Napoli in 3 giorni? Tutto quello che c'è da fare e vedere...

Visitare Napoli in 2 giorni

In due giorni a Napoli si ha il tempo sufficiente per visitare i monumenti...

Visite guidate a Napoli

Napoli è una città ricca di storia e arte che offre tanti di siti...

Locali a Napoli

Sono tanti i locali a Napoli dove poter trascorrere le serate e divertirsi, tra...

Mercatini a Napoli

Sono tanti mercatini a Napoli dove fare shopping e trovare capi a basso prezzo!...

Dove dormire a Napoli

Da qualche anno a questa parte l’offerta turistica per il pernottamento a Napoli si...

Dove mangiare a Napoli

Napoli è una città che offre una molteplicità di soluzioni diverse per mangiare, per...

Cosa fare a Napoli

Napoli è la città del mare, del Vesuvio, e della pizza, e c’è tanto...

Napoli di notte

Napoli è ricca di luoghi in cui poter trascorrere le serate dal centro storico,...

Cosa vedere a Napoli

Napoli città d’arte. La città offre una molteplicità di siti monumentali, aree verdi, scorci...