Scialatielli alle vongole veraci

Grande Napoli
Scialatielli alle vongole veraci
4.4 (88.57%) 7 votes

Piatto tipico della cucina napoletana da gustare in riva al mare con un bicchiere di Falanghina bello freddo.

Più che un piatto della tradizione partenopea gli scialatielli alle vongole veraci (e lupini) sono per ogni napoletano che si rispetti un vero e proprio culto. Si inizia la mattina, al mercato del pesce, per la minuziosa scelta delle vongole più fresche e veraci, poi si torna a casa, le si fanno spurgare in acqua per un paio di orette e ci si mette ai fornelli.

La preparazione, seppur semplicissima, è oggetto di una ‘accanita’ diatriba. Pomo della discordia è il pomodoro: ci va o non ci va? Alcuni preferiscono il sughetto con le vongole in bianco ed altri sostengono che l’aggiunta del pomodorino a pezzetti faccia esaltare il sapore dei frutti di mare, inutile dire che in entrambi i casi siamo di fronte ad una vera delizia del golfo. Si parte mettendo in una padella molto larga, su un fuoco bello vivo, gli spicchi d’aglio, l’olio extra vergine di oliva ed il peperoncino. Si aggiungono poi in padella le vongole e le li lasciano aprire. In una pentola a parte si mette a bollire dell’acqua, ad ebollizione raggiunta si sala e si buttano gli scialatielli, un formato di pasta nostrano, più corto e più spesso dei classici spaghetti, che deve cuocere per poco più della metà del suo tempo naturale per poi far finire la cottura in padella.

Lo scialatiello con le vongole è uno dei pezzi forti della cucina napoletana, citato recentemente anche da don Pietro Savastano in una delle puntate di Gomorra. Ottimo da gustare magari in riva al mare nelle calde serate estive, rigorosamente accompagnato da una bella bottiglia di Falanghina gelata.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu