Sauté di telline: un finger food napoletano

Napoletanità
Articolo di , 19 Mar 2021

Il sauté di telline, o come lo chiamiamo a Napoli ‘o sautè ‘e tunninole, è un antipasto fresco e leggero, ideale per stuzzicare lo stomaco dei commensali e iniziare così, in modo soft e saporito, un pranzo o una cena a base di pesce.

 

le telline, o arselle, sono dei piccoli frutti di mare di mare che si possono raccogliere affondando le mani nella sabbia durante una passeggiata sulla spiaggia oppure acquistare in pescheria, ad un prezzo molto conveniente.

 

Regalano un sapore delicato e persistente alle pietanze che ne fanno uso. Non a caso, già duemila anni fa, ne intesseva le lodi il gastronomo, cuoco e scrittore romano Apicio.

 

Altro che “le vongole dei poveri”! porterai in tavola tutto il profumo del mare.

 

Ecco come preparare il sauté di telline:

Ingredienti

  • 500 g di telline
  • 1 spicchio d’aglio
  • 1 mazzetto di prezzemolo
  • Peperoncino q. b.
  • Olio extra vergine d’oliva q.b.

Preparazione

 

Dopo aver fatto spurgare le telline, sciacquale sotto abbondante acqua corrente.

 

Irrora il fondo di una padella ampia e dai bordi alti con l’olio di oliva e unisci lo spicchio d’aglio e il peperoncino sbriciolato, facendo insaporire il tutto per 1 o 2 minuti a fuoco moderato.

 

Aggiungi le telline e copri rapidamente con il coperchio della padella. IL calore che si genererà contribuirà all’apertura e alla cottura delle telline.

 

Consiglio di cuocerle per due o tre minuti, in  modo da conservarne il sapore delicato e la consistenza piacevole.

Consigli

 

Se hai la fortuna di raccogliere le telline personalmente, mettile subito in un secchiello ricoprendole di acqua salata. Così resteranno fresche e cominceranno a spurgare.

 

A casa, adagiatele in una ciotola con acqua salata (un cucchiaio di sale per ogni litro d’acqua) e lascia che  spurghino ancora, finché l’acqua non sarà limpida.

 

Per essere sicuri che siano vive e fresche, controlla che siano chiuse. Se noti una fessura tra le valve, stuzzicale con un dito: se reagiscono chiudendosi subito, il “test della freschezza”  è superato!

 

Quindi, scarta tutte le telline con il guscio aperto e, se in cottura alcune telline non si aprono, non servirle.

 

Buon appetito!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti consigliamo anche

Links utili

Visitare Napoli in 3 giorni

Tre giorni a Napoli consentono di visitarne i monumenti principali e di assaporare una...

Visitare Napoli in 2 giorni

In due giorni a Napoli si ha il tempo sufficiente per visitare i monumenti...

Visite guidate a Napoli

Napoli è una città ricca di storia e arte che offre tanti di siti...

Locali a Napoli

Sono tanti i locali a Napoli dove poter trascorrere le serate e divertirsi tra...

Mercatini a Napoli

Sono tanti mercatini a Napoli dove fare shopping e trovare capi a basso prezzo!...

Dove dormire a Napoli

Da qualche anno a questa parte l’offerta turistica per il pernottamento a Napoli si...

Dove mangiare a Napoli

Napoli è una città che offre una molteplicità di soluzioni diverse per mangiare, per...

Cosa fare a Napoli

Napoli è la città del mare, del Vesuvio, e della pizza, e c’è tanto...

Napoli di notte

Napoli è ricca di luoghi in cui poter trascorrere le serate dal centro storico,...

Cosa vedere a Napoli

Napoli città d’arte. La città offre una molteplicità di siti monumentali, aree verdi, scorci...