Santa Maria della Stella e il dipinto miracoloso

Arte e Cultura
Articolo di , 20 Apr 2016

Santa Maria della Stella, in Napoli è il titolo di un’antica immagine della Madonna con il bambino nonché  il nome della chiesa che la ospita. Questo santuario, voluto e officiato dai religiosi Frati Minimi sorto nel quartiere Stella alla Sanità, è stato costruito con lo scopo di custodire il dipinto mariano del XV secolo, considerato da molti miracoloso.

Ritrovato nel 1501 sotto un cumulo di macerie in località San Giovanni a Carbonara, il popolo napoletano affidò al ritrovamento di questa immagine sacra, la promessa di costruire un grande santuario qualora il dipinto li avesse liberati dalla terribile pestilenza che aveva colpito l’intera città mietendo molte vittime.

In un primo momento il dipinto fu esposto al pubblico in una cappelletta nei pressi di Porta S. Gennaro, poi quando la terribile epidemia  fu debellata, grazie alle generose offerte dei devoti a partire dal 1577 si potè costruire un oratorio sul colle della valle della Sanità, trasformato in seguito grazie all’opera di celebri artisti nel maestoso e imponente santuario che tutt’ora possiamo ammirare nel quartiere Stella. La costruzione di questa chiesa è durata per almeno un  secolo a partire dalla metà del  1600 furono costruite  le dieci cappelle presenti al suo interno, i dormitori dei novizi, il pozzo. Nel 1771 furono costruiti invece i  giardini. La particolarità di questa chiesa, stava soprattutto nel fatto che oltre ad essere un luogo di devozione era anche una farmacia. Dotata di finestrelle fatte di  grate in ferro battuto tutt’ora visibili ,il santuario diveniva anche il luogo in cui il popolo poteva comunicare con lo speziale che risiedeva all’interno del convento e richiedere i prodotti a difesa della salute.

Un santuario sopravvissuto alla guerra

Questa chiesa- santuario racconta molto della storia del nostro paese, infatti nel corso del tempo è stata più volte violentemente danneggiata, come per esempio  il bombardamento aereo avvenuto nel 1943 durante la II guerra mondiale quando le bombe dissestarono gran parte dell’edificio e nel 1944 quando un violento incendio distrusse le strutture interne della chiesa, solo i muri portanti furono risparmiati e  miracolosamente l’effige della Madonna della Stella benchè colpita dal fuoco ne uscì solo annerita. Finita la seconda guerra mondiale la chiesa è stata sottoposta ad un lungo restauro, terminato solo a metà degli anni ’80.

Questa chiesa, oggi come un tempo è il fiore all’occhiello del quartiere, nonostante abbia perso diversi locali, ceduti all’arma dei Carabinieri della caserma Podgora, il santuario con la sua maestosità continua ad essere onnipresente nell’urbanistica e nella devozione degli abitanti del quartiere Stella.

 

Una replica a “Santa Maria della Stella e il dipinto miracoloso”

  1. Aldo Menga ha detto:

    Interessante segnalazione, ma manca una foto del dipinto citato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti consigliamo anche

Links utili

Visitare Napoli in 3 giorni

Tre giorni a Napoli consentono di visitarne i monumenti principali e di assaporare una...

Visitare Napoli in 2 giorni

In due giorni a Napoli si ha il tempo sufficiente per visitare i monumenti...

Visite guidate a Napoli

Napoli è una città ricca di storia e arte che offre tanti di siti...

Locali a Napoli

Sono tanti i locali a Napoli dove poter trascorrere le serate e divertirsi tra...

Mercatini a Napoli

Sono tanti mercatini a Napoli dove fare shopping e trovare capi a basso prezzo!...

Dove dormire a Napoli

Da qualche anno a questa parte l’offerta turistica per il pernottamento a Napoli si...

Dove mangiare a Napoli

Napoli è una città che offre una molteplicità di soluzioni diverse per mangiare, per...

Cosa fare a Napoli

Napoli è la città del mare, del Vesuvio, e della pizza, e c’è tanto...

Napoli di notte

Napoli è ricca di luoghi in cui poter trascorrere le serate dal centro storico,...

Cosa vedere a Napoli

Napoli città d’arte. La città offre una molteplicità di siti monumentali, aree verdi, scorci...