A rischio la riapertura di Vivara

Valentina Cosentino
A rischio la riapertura di Vivara
5 (100%) 1 vote

La questione legale sulla proprietà dell’isolotto di Vivara ne di fatto impedito la fruibilità negli ultimi anni e le notizie diffuse sabato 1 aprile, a partire da un articolo di Repubblica, avevano ben lasciato sperare per una sua riapertura.

Tuttavia la questione è tutt’altro che risolta e la riapertura sembra dovrà ancora slittare.

A parlare questa volta, sempre tramite Repubblica, sono gli eredi designati Antonio e Francesca Diana, beneficiari in virtù della sentenza della Corte di Appello del maggio 2015, che, dopo una causa durata sei anni, sono stati decretati unici proprietari legittimi dell’isolotto, gestito tra il 1940 ed il 2015 dalla Fondazione Ospedale Albano Francescano di Procida.
I proprietari designati dichiarano di essersi sempre dimostrati disponibili con l’amministrazione comunale per studiare di concerto un futuro per Vivara, ma di non essere stati consultati nella fattispecie prima delle dichiarazioni sulla sua riapertura l’8 aprile e che allo stato attuale non esiste un protocollo d’intesa per la sua valorizzazione.

Queste loro parole a Repubblica: “…Dopo contatti avuti con il sindaco di Procida e l’assessore a Vivara Carannante, eravamo in attesa di essere coinvolti, come da loro auspicato, per le suddette attività, relative alla nostra condizione di proprietari, mentre apprendiamo attoniti, dall’articolo di Repubblica, di essere stati retrocessi arbitrariamente a proprietari di serie C rispetto ai vecchi proprietari costituiti dalla Fondazione Ospedale Albano Francescano di Procida.
….
Il nostro auspicio è che d’ ora in poi, chi voglia immaginare un futuro per Vivara si confronti con i suoi neo proprietari, ai quali sta a cuore di vedere l’isola riportata alla dignità e anche ad una civile e corretta fruibilità da parte del pubblico, in forme adeguate e con le opportune tutele. Si sa che il tempo porta tanti risvolti differenti , ad esempio nel  gennaio di quest’anno, hanno chiesto di incontrarci il Sindaco di Procida accompagnato dall‘Assessore per Vivara, incontro avvenuto  presso gli uffici dei nostri legali, i quali  ci chiedevano quale fosse la nostra posizione su una probabile riapertura al pubblico dell’isola di Vivara. Eravamo ben propensi a rendere fruibile l’isola al pubblico, e in quell’occasione comunicammo al sindaco e all’Assessore che la riapertura poteva avvenire formulando con noi un protocollo d’intesa. Entrambi gli esponenti del Comune si mostrarono favorevoli a questa proposta, ma inaspettatamente oggi scopriamo tramite i media che questo accordo ancor prima di essere stabilito è stato vanificato. Alla luce di quanto sopra è nostra intenzione diffidare tutti gli enti preposti dal riaprire l’isola, senza aver stilato un protocollo d’intesa o una convenzione con la proprietà”.

Fonte: Repubblica.it



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu