Rifiuti al lungomare di Napoli: il mare ci restituisce la plastica

Maurizio Guariniello

Dopo la mareggiata che ha letteralmente sconvolto via Caracciolo, con i danni visibili sotto gli occhi di tutti, è la natura ad inviarci un messaggio. Probabilmente il segno e l’emergere di criticità che da tempo proviamo a fronteggiare.

 

È così infatti che il mare ha restituito un importante ammontare di rifiuti. Molti dei quali in plastica, ragion per cui impiegano anni per decomporsi completamente.

 

Un’immagine che colpisce, e che porta tutti noi ad una riflessione dedicata al tema dell’ambiente e del dovere di tutelarlo da ulteriori danni all’ecosistema.

 

A dare il segnale sulla propria pagina facebook la Onlus Plastic Free, la cui mission è sensibilizzare sul tema dell’inquinamento, specialmente correlato alla plastica: “La natura si ribella e con una mareggiata ci restituisce spazzatura a non finire. Tra 5 anni sarà peggio, tra 15 ancor di più e tra 30 saremo sommersi dalla nostra stessa incuria.”

Ed infine, un monito importante affinché questo fenomeno possa davvero rappresentare un iniettore di consapevolezza: “È arrivato il momento di cambiare, di entrare in azione per il bene del nostro presente e futuro“.

 

Prevista per oggi un’operazione di “pulizia” della spiaggia sul lungomare organizzata dal movimento no profit Retake Napoli, rimandata tuttavia a causa del maltempo.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu