Quando l’America scoprì la pizza!

Benedetta Moricola
Quando l’America scoprì la pizza!
Vota questo articolo

Il New york Times pubblica due articoli negli anni ’40 in cui descrive un insolito e esotico cibo: la pizza.

Il 20 settembre del 1944 il New York Times pubblicava un articolo su quello che poi sarebbe diventato uno dei cibi preferiti e più facilmente reperibili in America: la Pizza.

All’epoca, in piena guerra mondiale, con migliaia di soldati americani in Italia, la pizza non era affatto uno dei cibi più comuni, ma anzi appariva abbastanza strano ed esotico.  Le sue origini erano da ricercare nel sud dell’Italia e soprattutto nelle vicinanze di Napoli. Quanto alla descrizione, la pizza così veniva definita: “una torta fatta di pasta lievitata e coperta con vari condimenti, ma comunque sempre con il pomodoro. Ci si possono trovare sopra formaggio, funghi, acciughe, capperi, cipolle e non solo.”

Sempre nello stesso articolo venivano specificate anche le modalità di preparazione e le abilità dei pizzaioli nel far roteare il disco di pasta lievitata “prima in una mano e poi nell’altra” finché non “si allarga diventando sempre più grande e sempre più fine” per poi ricoprirlo con gli ingredienti richiesti.

Il New York Times elogiava sia la rapidità della preparazione, dal momento che il forno veniva tenuto costantemente a temperature elevate, sia la possibilità di poter portare questo strano ed inusuale cibo a casa in un’apposita scatola.

Qualche anno dopo, nel 1947, sempre il New York Times, in un altro articolo, auspicava che la pizza potesse diventare il nuovo spuntino popolare americano al pari dell’hamburger. Ma agli americani, la pizza era ancora un cibo piuttosto sconosciuto.

Diventerà noto e comune in America solo al ritorno dei soldati dalla guerra. Questi, tornati alle loro occupazioni, quando finivano i turni di lavoro andavano alla ricerca di locali gestiti da italiani sperando di trovare l’agognata e adorata pizza di cui avevano fatto scorta durante il periodo in Italia. In realtà, la pizza era arrivata in America all’inizio del Novecento quando gli immigrati portarono le proprie tradizioni, comprese quelle culinarie, tra cui la pizza che però rimase un cibo consumato prettamente dagli italiani nelle loro case almeno fino al ritorno dei soldati dalla guerra. Data la richiesta crescente cominciarono a nascere molti locali italo-americani la cui specialità era appunto la pizza.

Oggi a New York e in tutta l’America, la pizza è sicuramente uno dei cibi più apprezzati e consumati. E moltissimi sono i locali che nella loro denominazione contengono la parola pizza.

 



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu