Procida: l’isolotto di Vivara verso la riapertura!

Procida: l’isolotto di Vivara verso la riapertura!
5 (100%) 1 vote

Lavori di ristrutturazione e messa in sicurezza dell’isola. L’assessore Carannante: «Auspichiamo di potervi accedere quest’estate».

Per chi non lo sapesse, Vivara è un piccolo isolotto nel golfo di Napoli posto tra Procida, a cui è unito, e Ischia. Istituita riserva naturale dal ministero dell’Ambiente nel 2002, l’isola tuttavia non è mai stata aperta ai visitatori, alle scolaresche, ai turisti. Un vero peccato.

L’isolotto è da anni al centro di un dibattito e numerose sono state le sollecitazioni e le iniziative da parte degli isolani e degli ambientalisti che da lungo tempo chiedono l’apertura al pubblico. Vivara è inoltre al centro di un contenzioso tra gli eredi del proprietario fino al 1940 e la fondazione “Albano Francescano”, titolare a partire da allora. Una vicenda sulla quale dovrà pronunciarsi la Corte di Cassazione, la cui sentenza in ogni caso non influirà sulla fruibilità dell’isola.

«Vivara è concretamente parte integrante della nostra comunità – afferma l’assessore isolano Antonio Carannante – e le iniziative dei cittadini negli ultimi giorni lo confermano. Stanno per essere aggiudicati i lavori di messa in sicurezza del passaggio sul ponte, e a brevissimo aprirà anche il Centro Visite nella Stazione Marittima presso il quale si potranno prenotare le escursioni sull’isolotto. Infatti quest’ultimo è una Riserva Naturale cd. “Orientata”, cioè una riserva che va gestita con visite controllate e in maniera tale che, oltre alla conservazione del territorio, vi sia lo sviluppo naturalistico di quest’ultimo. Sono inoltre in via di installazione i bagni ecologici e le telecamere per la sicurezza dell’accesso».

Dopo circa 15 anni, finalmente una risposta positiva da parte dell’amministrazione comunale: il desiderio di riapertura da parte dei cittadini sembra essere stato esaudito. Non ci resta che attendere quella che potrebbe sicuramente essere una grossa chance turistica per i procidani.

 



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu