Il primo nido di tartarughe della stagione sceglie il Cilento

Valentina Cosentino
Il primo nido di tartarughe della stagione sceglie il Cilento
Vota questo articolo

E’ sulla spiaggia di Eboli, in concessione al Campeggio Villaggio Paestum, che la prima tartaruga di mare ha scelto per deporre le sue uova.

In maniera casuale sono state avvistate le tracce del delicato nido nella sabbia e la capitaneria di porto è entrata subito in azione recintando provvisoriamente l’area e avvertendo la Stazione Zoologica Dohrn di Napoli.

Il nido di Eboli dai ricercatori del centro, intervenuti nella mattinata di ieri, è stato trasferito di qualche metro per preservarlo da eventuali mareggiate, è stata messa una rete di protezione, i sensori di monitoraggio ed è stato accuratamente recintato.Si tratta di settantacinque uova di Caretta caretta che  dovrebbero schiudersi tra i 45 ed i 60 giorni, a seconda delle temperature.

Si tratta di una nidificazione eccezionalmente precoce come racconta Sandra Hochscheid al Corriere del Mezzogiorno: «E’ fondamentale che i nidi siano avvistati tempestivamente, che scatti l’allerta e siano messi in sicurezza, perché se così non avviene il rischio che le uova siano calpestate, su un litorale antropizzato come quello campano, è elevatissimo»

Proprio per prevenire danni a ai nidi che stanno diventano sempre più numerosi sulle nostre coste da quest’anno la Stazione Zoologica sta operando in sinergia con i volontari della Sea Shepherd che si occuperanno appunto di monitorare le spiagge ed i nidi già individuati per facilitare la via la mare dei nascituri. Ma il processo di sensibilizzazione sulle spiagge sta interessando tutti, dalla capitaneria di porto, ai pescatori, ai gestori dei lidi che sono invitati a collaborare a questa importante opera di monitoraggio.

Foto Repubblica.it



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu