Pontelandolfo, il lago Spino e il fiume Lente

Valentina Cosentino

Un oasi di verde per rilassarsi

Per chi ama la natura, Pontelandolfo in provincia di Benevento è il luogo ideale immerso nel verde con laghi e fiumi, con un territorio collinare che lo circonda con quote che vanno dai 300 ai 900 metri di altitudine.

 

Per gli escursionisti che amano il campeggio all’aria aperta la scelta è molto varia da fontana in località Ponte Nuovo e Acqua del Monte o fontana Cristina in località Monticelli dove ci sono aree pic-nic. La zona è ricca di sentieri percorribili con macchie di frassini, aceri, castagni, in cui  ci si può imbattere con lepri, volpi, martore. Gli appassionati di birdwatching possono avvistare in questi boschi gazze, cuculi, civette, gufi e merli. Nelle acque dei torrenti Lente e Lenticella, si possono pescare trote, barbi, tinche e cavedani e in alcuni tratti si può praticare la navigazione in canoa. Mentre a nord-est di Monte Calvello, si possono fare escursioni in montagna, visitare la faggeta con alberi secolari e arrivare fino a Lago Spino.

 

Il Lago Spino si trova in un oasi di circa 35.000 mq circondato da un bosco di piante autoctone e un parco comunale con area pic-nic e una struttura adibita a ristoro. Il laghetto Spino è aperto tutto l’anno per la pesca sportiva. Prevalentemente si possono catturare carpe, pesci gatto, alborelle, anguille e storioni. Le trote vengono immesse solo ed esclusivamente per competizioni di pesca. Nell’area disponibile si possono organizzare pic-nic, feste, eventi e naturalmente per gare di pesca.

Sempre nel comune di Pontelandolfo c’è il Borgo Cerquelle circondato da colline e vallate coperte di uliveti, pascoli e boschi, e in pochi minuti si raggiunge il Fiume Lente, dove ci si può fare il bagno. La zona circostante rientra nella zona di protezione speciale del Massiccio del Matese. Ci sono diversi rilievi intorno ai 1000 m. con grotte, monoliti e sculture naturali; torrenti con cascate, forre e inghiottitoi; le sorgenti sono più di una dozzina. Inoltre l’area vicina è ricca di boschi di faggi, castagni e querce sono ricchi di asparagi, funghi, more e fragoline. Nelle vicinanze sono facilmente individuabili upupe, merli, picchi, gazze, poiane, falchi, gufi, civette, allocchi, rane, rospi, bisce dal collare, cervoni, ghiri, ricci, tassi, martore, donnole, faine e volpi.

 

 

 

 



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...
Menu